Terry Gold: is our world like a “rusted farm”?

The theme of environmental pollution, addressed by the artist Terry Gold in an artistic installation hosted at “Only Art” entitled “Rusted Farm,” is a subject to which I am particularly sensitive. The terrible consequences that our Planet suffers because of our selfishness are (unfortunately) under the eyes of all of us every day.

LEGGI IN ITALIANO

As soon as you get to “Rusted Farm,” you’ll be inside a tunnel, a confined environment that resembles a sewer or, in any case, a drain pipe.

Inside, sick looking fish swim tiredly, accompanying the visitor to the end of the tunnel where a staircase leads to the exit, directly to the wheat field that hosts most of the art installation.

On leaving the tunnel, I felt an unjustified sense of relief. I say “unjustified” because even the part of the installation formed by the wheat field continues its denunciation of the selfishness of human beings, so blind that it does not realize that the damage caused to the environment is, in the first place, damage caused to himself.

The environment above is undoubtedly less narrow, but the subject matter is serious and painful: a sequence of living species represented in an unhealthy way because of contact with the unreasonableness and blind selfishness of Man.

At the landing point, clicking on the English or Italian flags, you can get in local chat some critical information about the art installation. I found it difficult to see the flags after accepting the light settings proposed by the artist, so I suggest, at least to be sure to take all the offered information, to change the light settings to “noon.” During the rest of the visit, it will be possible to go back to the light settings proposed by the artist, clicking on the sun in the bar at the top, where the name of the region can be found (only for those who use Firestorm Viewer).

A first information note concerns pollution in general, here is the proposed text:

In 2010, 192 coastal nations produced 275 million tonnes of plastic, of which 4.8 to 12.7 million tonnes went into the sea, mostly due to poor waste management.
The estimate is based on a study that examined the possible sources of pollution from plastics found on land.
The result is only a first step to assess a problem that will become acuter in the coming decades if recycling practices of plastics are not implemented globally.

The second information note is specific on oil pollution:

Oil pollution: is a contamination of the environment (soil, air and especially water) caused by all kinds of liquid hydrocarbons, or by crude oil or its derivatives.
Oil pollution can be systematic or accidental.
Accidental pollution is mostly caused by the spillage of large quantities of oil from oil tankers involved in shipping accidents (collisions, strandings, fires, explosions, shipwrecks).
It causes considerable damage to marine and coastal ecosystems.
Systematic or chronic pollution, often much more severe than accidental contamination. The tar lumps deposited on beaches in seaside resorts are mainly the result of residues in ballast water discharged into the sea.

So what is pollution?

Pollution is an alteration of the environment, natural or anthropogenic, and can be equally anthropogenic (human) or natural. It produces temporary discomfort, disease or permanent damage to life in a given area, and can put the area in imbalance with existing natural cycles. The alteration can be of different origin, chemical or physical.  Source: Wikipedia

Pollution, is a modification of the environment, by its nature optimally created to accommodate Life in all its forms, produces an alteration of living species, including Man.

As far as the natural alteration of the environment is concerned, very little can be done; however, Man would be able to take action to cancel or, at least, reduce the consequences of the pollution produced by himself.

Unfortunately, although Man has the intellectual ability to create substances that guarantee maximum comfort without polluting, the process of alteration and environmental degradation continues inexorably due to the senseless race to consume.

For plastics, for example, the quantity produced in the year is 322 million tonnes, 8 million tonnes of which end up in the oceans.

Unfortunately, plastic is (still) the material of our modernity, because it requires a small amount of energy to produce it and allows us optimal preservation of food.

Plastics currently account for 85% of marine litter, and the Ellen McArthur Foundation warns that, at this rate, they could exceed the amount of fish in the sea by 2050. Just think that, in the Mediterranean, there are 40 pieces of marine litter per square kilometer.

Not to mention the enormous problem of microplastics in the air, in water and on land. The plastic, in fact, thrown into the seas, quickly disintegrates into small pieces that are eaten by the plankton, in turn, eaten by fish. Microplastics, therefore, reaches our tables with consequences for our organism still to be explored.

Another type of pollution that I would like to focus on is methane, which is the worst of the greenhouse gases that we should be able to control.

Science has recently published alarming data: the mining sector releases 13 million tons of waste into the atmosphere every year, 60% more than estimated by the US Agency for the Protection of the Environment.

According to the researchers, most of these emissions would be caused by malfunctioning machinery, plant leaks, and other atypical operating conditions.

Methane, the main ingredient of so-called natural gas, is a potent greenhouse gas whose effect regarding heating the atmosphere is 80 times greater than that of CO2 in the first 20 years after its emission.

Terry Gold‘s installation raises awareness of this critical issue, too often considered marginal by ordinary people, who mistakenly believe that they are powerless in the face of political and economic choices.

Instead, the masses move the consciences and determine the change.

References

“Rusted Farm”

ITALIANO

Il tema dell’inquinamento ambientale, affrontato dall’artista Terry Gold in una installazione artistica ospitata a “Solo Arte” dal titolo “Rusted Farm“, è un argomento a cui sono particolarmente sensibile. Le terribili conseguenze che il nostro Pianeta subisce a causa del nostro egoismo, sono (purtroppo) sotto gli occhi di tutti noi ogni giorno.

Non appena si giunge a “Rusted Farm“, ci si trova all’interno di un tunnel, un ambiente ristretto che ricorda le fognature o, comunque, un tubo di scolo.

Al suo interno pesci dall’aspetto malato nuotano in modo stanco, accompagnando il visitatore verso la fine del tunnel dove, una scala, conduce all’uscita, direttamente verso il campo di grano che ospita la maggior parte dell’installazione artistica.

All’uscita dal tunnel ho provato un immotivato senso di sollievo. Dico “immotivato” perchè anche la parte dell’installazione formata dal campo di grano prosegue la sua denuncia all’egoismo dell’essere umano, così cieco da non rendersi conto che i danni prodotti all’ambiente sono, in primis, danni arrecati a se stesso.

L’ambiente soprastante è certamente meno angusto, ma l’argomento trattato è serio e doloroso: una sequenza di specie viventi rappresentate in modo malsano a causa del contatto con l’irragionevolezza e il cieco egoismo dell’Uomo.

Al punto di atterraggio, cliccando sulle bandiere inglese o italiana è possibile ottenere in local chat alcune importanti informazioni sull’installazione artistica. Ho trovato difficile vedere le bandierine dopo avere accettato le impostazioni di luce proposte dall’artista, quindi suggerisco, almeno per essere certi di accogliere tutte le informazioni proposte, di cambiare le impostazioni di luce in “mezzogiorno“. Durante il prosieguo della visita sarà possibile tornare alle impostazioni di luce proposte dall’artista, cliccando sul sole nella barra in alto, dove si trova il nome della regione (solo per chi usa Firestorm Viewer).

Una prima nota informativa riguarda l’inquinamento in generale, ecco il testo proposto:

Nel 2010, 192 nazioni costiere hanno prodotto 275 milioni di tonnellate di plastica: di questi sono finiti in mare da 4,8 a 12,7 milioni di tonnellate, per lo più a causa di una scorretta gestione della raccolta dei rifiuti.
La stima è basata su uno studio che ha esaminato le possibili fonti d’inquinamento da materie plastiche che si trovano sulla terraferma.
Il risultato è solo un primo passo per valutare un problema che tenderà ad acuirsi nei prossimi decenni, se non verranno implementate globalmente pratiche di riciclo dei materiali plastici.

La seconda nota informativa è specifica sull’inquinamento prodotto dal petrolio:

Inquinamento da Petrolio: è una contaminazione dell’ambiente (del suolo, dell’aria e soprattutto dell’acqua) causata da ogni genere di idrocarburi liquidi, ovvero dal petrolio greggio o dai suoi derivati.
L’inquinamento da idrocarburi può essere sistematico o accidentale.
Quello accidentale è prodotto, nella maggior parte dei casi, dal riversamento in mare di ingenti quantità di petrolio da petroliere coinvolte in incidenti di navigazione (collisioni, incagliamenti, incendi, esplosioni, naufragi).
È causa di considerevoli danni agli ecosistemi marini e litorali.
L’inquinamento sistematico, o cronico, spesso molto più grave di quello accidentale. I grumi di catrame che si depositano sulle spiagge nelle località balneari derivano perlopiù dai residui contenuti nelle acque di zavorra scaricate in mare.

Cos’è, quindi, l’inquinamento?

L’inquinamento è un’alterazione dell’ambiente, naturale o antropico, e può essere altrettanto di origine antropica (umana) o naturale. Esso produce disagi temporanei, patologie o danni permanenti per la vita in una data area, e può porre la zona in disequilibrio con i cicli naturali esistenti. L’alterazione può essere di svariata origine, chimica o fisica.  Fonte: Wikipedia

L’inquinamento, essendo un’alterazione dell’ambiente, per sua natura creato in modo ottimale per ospitare la Vita in ogni sua forma, produce un’alterazione delle specie viventi, tra cui l’Uomo.

Per quanto concerne l’alterazione naturale dell’ambiente si può fare ben poco, tuttavia l’Uomo sarebbe in grado di attivarsi per annullare o, quantomeno, ridurre, le conseguenze dell’inquinamento da lui stesso prodotto.

Purtroppo, nonostante l’Uomo abbia la capacità intellettiva di creare sostanze in grado di garantirci il massimo confort senza inquinare, il processo di alterazione e degrado ambientale continua inesorabile a causa della insensata corsa al consumo.

Per quanto attiene la plastica, ad esempio, la quantità prodotta nell’anno è pari a 322 milioni di tonnellate di cui 8 finiscono negli oceani.

Purtroppo la plastica è (ancora) il materiale della nostra modernità, perchè occorre una piccola quantità di energia per produrla e ci permette una conservazione degli alimenti ottimale.

Attualmente la plastica rappresenta l’85% dei rifiuti marini, e la Ellen McArthur Foundation mette in guardia sul fatto che, con questi ritmi, nel 2050 potrebbe superare la quantità di pesci presente nel mari. Si pensi che, solo nel Mediterraneo, vi sono 40 pezzi di rifiuti marini per kilometro quadrato.

Per non parlare dell’enorme problema della microplastica, presente nell’aria, nell’acqua e sulla terra. La plastica, infatti, gettata nei mari, si disintegra facilmente in piccoli pezzi che vengono mangiati dai plankton, a sua volta mangiato dai pesci. La microplastica, quindi, arriva fino alle nostre tavole con conseguenze sul nostro organismo ancora da esplorare.

Un altro tipo di inquinamento su cui vorrei soffermarmi è quello che deriva dal metano: esso, infatti, è il peggiore dei gas serra che dovremmo essere in grado di controllare.

Science ha di recente pubblicato dati allarmanti: il settore delle estrazioni ne disperde in atmosfera 13 milioni di tonnellate l’anno, il 60% in più di quelle stimate dall’Agenzia Usa per la Protezione dell’Ambiente.

Secondo i ricercatori, la maggior parte di queste emissioni sarebbero provocate da macchinari malfunzionanti, perdite negli impianti ed altre condizioni operative atipiche.

Il metano, principale ingrediente del cosiddetto gas naturale, è un potente gas serra il cui effetto, in termini di riscaldamento dell’atmosfera, è 80 volte superiore a quello della CO2 nei primi 20 anni dopo l’emissione.

L’installazione di Terry Gold sensibilizza verso questo importante tema, troppo spesso considerato marginale anche dalla gente comune, erroneamente convinta di essere impotente dinanzi alle scelte politiche ed economiche.

Invece le masse smuovono le coscienze e determinano il cambiamento.

Riferimenti

“Rusted Farm”

 

Advertisements