GIANCARLO PETRINI: hosted at Summers Wind

Starting from Sunday, July 15 is open to the public the art exhibition of Giancarlo Petrini at the enchanting region Summers Wind.

LEGGI IN ITALIANO

I discovered this art gallery thanks to the sharing on Facebook by Evelina De Santis: observing her beautiful images I was intrigued and I wanted to visit the exhibition in person.

As soon as I got to the point of landing, I found myself in front of a “dreamy” landscape, which invited me, after having tasted the art exhibition of Petrini, to explore Summers Wind.

Returning now to the art of this real-world artist, reading the notecards offered at the arrival, I learn that this exhibition represents one of a series, a path called “Imagin@rium Art” which aims to promote artists eager to have an audience in the virtual world of Second Life.
I read with great interest (for the elegance in writing and the completeness of information) the notecard of Mexi Lane, the art director of Summers Wind, with whom she explains how she knew Giancarlo Petrini and why she particularly liked him artistically.

That is what she said:

“I met Giancarlo Petrini during the inauguration in Rome of the traveling exhibition “The Shadow of the Moloch,” which started from the Venice Biennale, curated by Annarita Rossi and Gigi Mazzardo, and his works moved me to the point of proposing a virtual exhibition that he accepted with farsightedness and awareness.
Looking at his drawings of about twenty years ago (some of which are visible in the Café des Artes) compared to his more recent works, I could appreciate how an artist capable of drawing in pencil, pen, charcoal the smallest details can manage to get rid of the academic trait and create his expressive path with instinct.
“His recent paintings are built with broken, squeaky signs, without seduction, unbalanced” – writes Armando Ginesi in the catalog of the exhibition. “These are the signs of our time, of an era that has given up the idea of perfection, of the One, of balance, of absolute values, to throw itself headlong into the radicalism of imperfection, into the imbalance that has become an aesthetic sign, into shattered relativism. Because the dià-bàllo seems to have taken the upper hand over the sün-bàllo (unite, merge), the disvalue over the value. Finally, one could say, because an aesthetics of the “ugly” prevailed. A sort of an oxymoron, a logical contradiction of a historical period in which contradictory things, absurd and “anti” attitudes seem to prevail, in which the struggle seems to have replaced effective union, in which no must always and everywhere prevail over yes.”
There is also subtle irony in Petrini’s works and the childlike trait with which he synthesizes his messages manages to lighten the negativity of the world, allowing that thread of hope that we all secretly keep in our hearts to leak out.”
Mexi Lane

There is also subtle irony in Petrini’s works and the childlike trait with which he synthesizes his messages manages to lighten the negativity of the world, allowing that thread of hope that we all secretly keep in our hearts to leak out.

– Mexi Lane

In fact, Petrini’s works show disharmonious signs, a metaphorical expression of the epochal change we are experiencing. A sort of pictorial chaos that, however, seen as a whole, pleases the eye, stimulating the imagination and curiosity of the observer.
I have also carefully read the presentation of the same artist Petrini to his art and, having found it essential to know him better, I propose it below:

“In 1977 I graduated from the Academy of Fine Arts in Macerata with top marks and praise in Painting.
Although my first painting (1964) dates back to my very young age (I was only 13 years old) my artistic activity actually began in 1974 and continues to this day with two interruptions (a long one that goes from 1989 to 2009 and another shorter one from 2010 to 2016). During these interruptions, I will almost entirely stop my production.
Undoubtedly a vital impulse to my artistic training is given to me by the famous artist Enzo Cucchi who, in 1981 invited me to his studio in Ancona where I was positively impressed by his works. So that my painting, especially that of the eighties, will be significantly affected by the influence and the art critic Mariano Apa (who was my curator from 1985 to 1987) in various criticisms of my work will confirm the impact.
Since the beginning of my artistic career, I have given up the opportunity to take part in various exhibitions, even essential, opting for an activity generally auto-remunerative and so I was deliberately always away from the big circuits of the market and critics. In fact, just for this kind of confidentiality of mine, during all my activity I will entrust myself only to the authoritative critics of only two art critics: Mariano Apa (in the mid 80’s) and recently Armando Ginesi, also (indeed, above all) for the profound esteem and admiration that I have always had towards them.
In the eighties, my work was published in several volumes and newspapers.
My works can be found in many private collections in Italy, Germany, Belgium, France, Poland and the United States.
In the past, I have participated in many exhibitions although my artistic activity will always be strongly marked by a feeble presence in the most essential environments of art.
In fact, I have always nurtured a marked lack of interest in art criticism and in my own ‘visibility.’ This was certainly not because of snobbery. Rather because I always drew a great satisfaction in painting as an end in itself, obtaining from ‘painting to paint’ everything I needed in terms of satisfaction (in the early eighties someone jokingly called me ‘the hermit artist’ for the very rare ‘exits’ from my studio and for the equally rare appearances in galleries).
Recently, I have been presenting myself to curators, critics, gallerists and collectors, and admirers in general, with the intention of involving as many people as possible in my way of ‘feeling’ and in my intimate satisfaction.”
Giancarlo Petrini

Visiting the exhibition was very pleasant, also thanks to the location that was given to Petrini’s works: beautiful passages on the water made of wood, with a hut that in turn houses some artworks of the artist with a very different style from those exposed on the water, like upper said.
The interior is furnished with attention to detail, with lights that, accepting the windlight settings of the region, are very impressive.
During my visit, I preferred to change Windlight’s settings to take advantage of Naim’s Optimal Skin and Prim (I use Firestorm Viewer) to see more of the paintings on display.

I suggest you visit Giancarlo Petrini’s exhibition and take the opportunity to appreciate Summers Wind, particularly suitable for in-world photography.

References

Giancarlo Petrini’s Art Show

Have you visited the art exhibition of Petrini? Let me know what you think in a comment.

Giancarlo Petrini: ospite a Summers Wind

A partire da domenica 15 luglio è aperta al pubblico l’esibizione artistica di Giancarlo Petrini presso l’incantevole regione Summers Wind.

Ho scoperto questa galleria artistica grazie alla condivisione su Facebook da parte di Evelina De Sanctis: osservando le sue belle immagini mi sono incuriosita e ho voluto visitare l’esposizione di persona.

Appena sono arrivata al punto di atterraggio, mi sono trovata di fronte un paesaggio “da sogno”, che mi ha invogliata, dopo avere gustato l’esibizione artistica del Petrini, a esplorare Summers Wind.

Tornando ora all’arte di questo artista del mondo reale, leggendo le notecards offerte all’arrivo, apprendo che questa esibizione rappresenta una di una serie, un percorso dal nome “Imagin@rium Art” che si prefigge di promuovere artisti desiderosi di avere una platea anche nel mondo virtuale di Second Life.

Leggo con molto interesse (per l’eleganza nella scrittura e la completezza di informazione) la notecard di Mexi Lane, la art curator di Summers Wind, con la quale ella spiega come abbia conosciuto Giancarlo Petrini e perché le sia particolarmente piaciuto sul piano artistico.

Ecco le sue parole:

“Ho conosciuto Giancarlo Petrini durante l’inaugurazione a Roma della mostra itinerante “L’Ombra del Moloch“, partita dalla Biennale di Venezia, a cura di Annarita Rossi e Gigi Mazzardo, e le sue opere mi hanno emozionato al punto da proporgli un’esposizione virtuale che ha accettato con lungimiranza e consapevolezza.

Osservando i suoi disegni di una ventina d’anni fa (alcuni sono visibili all’interno del Café des Artes) rispetto alle sue opere più recenti, ho potuto apprezzare come un artista capace di disegnare a matita, penna, carboncino i dettagli più minuscoli possa riuscire a liberarsi del tratto accademico e creare con l’istinto il suo percorso espressivo.

“I suoi dipinti recenti sono costruiti con segni spezzati, di sghimbescio, privi di seduzione, squilibrati” – scrive Armando Ginesi sul catalogo della Mostra. “Sono i segni del nostro tempo, di un’era che ha rinunciato all’idea della perfezione, dell’Uno, dell’equilibrio, dei valori assoluti, per gettarsi a capofitto nel radicalismo dell’imperfezione, nello squilibrio diventato segno estetico, nel relativismo frantumato. Perché il dià-bàllo sembra aver preso il sopravvento sul sün-bàllo (unire, accorpare), il disvalore sul valore. Infine, si potrebbe dire, perché è prevalsa un’estetica del “brutto”. Una sorta di ossimoro, di contraddizione logica di un periodo storico in cui le cose illogiche, gli atteggiamenti assurdi ed “anti” sembrano prevalere, in cui la lotta pare abbia sostituito l’unione affettiva, in cui il no debba sempre e comunque prevalere sul sì”.

C’è anche dell’ironia sottile nelle opere di Petrini e il tratto infantile con cui sintetizza i suoi messaggi riesce ad alleggerire la negatività del mondo, lasciando trapelare quel filo di speranza che tutti segretamente conserviamo nel cuore.”  – Mexi Lane

C’è anche dell’ironia sottile nelle opere di Petrini e il tratto infantile con cui sintetizza i suoi messaggi riesce ad alleggerire la negatività del mondo, lasciando trapelare quel filo di speranza che tutti segretamente conserviamo nel cuore.

– Mexi Lane

In effetti, le opere del Petrini mostrano segni disarmonici, espressione metaforica del cambiamento epocale che stiamo vivendo. Una sorta di caos pittorico che, tuttavia, visto nel suo complesso, piace alla vista, stimolando la fantasia e la curiosità dell’osservatore.

Ho letto con attenzione anche la presentazione del medesimo artista Petrini alla sua arte e, avendola trovata importante per conoscerlo meglio, la propongo qui di seguito:

“Nel 1977 mi diplomo all’Accademia di Belle Arti di Macerata con il massimo dei voti e lode in Pittura.

Seppure il mio primo dipinto (1964) risale alla mia giovanissima età (avevo solo 13 anni) la mia attività artistica inizia effettivamente nel 1974 e prosegue fino a tutt’oggi con due interruzioni (una lunga che va dal 1989 al 2009 ed un’altra più breve dal 2010 al 2016). Durante queste interruzioni fermerò quasi totalmente la mia produzione.

Indubbiamente un impulso importante alla mia formazione artistica mi viene dato dall’artista di fama mondiale Enzo Cucchi il quale, nel 1981 mi invitò nel suo studio di Ancona dove rimasi positivamente impressionato dai suoi lavori, tanto che la mia pittura, specie quella degli anni ottanta ne risentirà notevolmente l’influenza ed il critico d’Arte Mariano Apa (che è stato mio curatore dall’anno 1985 al 1987) in diverse critiche sulla mio lavoro ne confermerà l’influsso.

Fin dall’inizio del mio percorso artistico ho rinunciato alla possibilità di prendere parte a varie mostre anche importanti optando per un’attività generalmente auto-remunerativa e quindi sono stato volutamente sempre lontano dai grandi circuiti del mercato e della critica. Infatti, proprio per questa mia specie di riservatezza, durante tutta la mia attività mi affiderò unicamente alla critica autorevole di due soli critici d’Arte: Mariano Apa (nella metà degli anni 80) ed ultimamente Armando Ginesi, anche (anzi, soprattutto) per la profonda stima e ammirazione che ho sempre avuto nei loro confronti.

Negli anni ottanta la mia opera è stata pubblicata in diversi volumi e giornali.

I miei lavori si trovano presso molte collezioni private in Italia, Germania, Belgio, Francia, Polonia e Stati Uniti.

In passato ho aderito a molte mostre sebbene la mia attività artistica sarà sempre fortemente contraddistinta da una scarsissima presenza negli ambienti più importanti dell’Arte.

Infatti ho sempre nutrito un marcato disinteresse per la critica dell’arte e per la mia propria ‘visibilità’. Ciò è avvenuto non certo per snobismo ma piuttosto perché ho sempre tratto una grande soddisfazione nella pittura fine a se stessa, ottenendo dal ‘dipingere per dipingere’ tutto quello di cui avevo bisogno in termini di appagamento (agli inizi degli anni ottanta qualcuno mi ha definito scherzosamente ‘l’artista eremita’ per le rarissime ‘uscite’ dal mio studio e per le altrettanto rarissime apparizioni nelle gallerie).

Di recente mi propongo a curatori, critici, galleristi e collezionisti ed estimatori in genere, con l’intento di far partecipe il maggior numero possibile di persone del mio modo di ‘sentire’ e del mio proprio intimo compiacimento.” – Giancarlo Petrini

Visitare l’esibizione è stato molto gradevole, anche grazie alla location che è stata data alle opere del Petrini: eleganti passaggi sull’acqua fatti di legno, con una capanna che a sua volta ospita alcuni lavori dell’artista dallo stile molto diverso rispetto a quelli esposti sull’acqua, come anzidetto.

L’arredamento è curato nei dettagli, con luci che, accettando le impostazioni di windlight della regione, sono molto suggestive.

In occasione della mia visita ho preferito, per vedere meglio i quadri esposti, cambiare le impostazioni di Windlight sfruttando la chiarezza di Naim’s Optimal Skin and Prim (io uso Firestorm Viewer).

Ti suggerisco di visitare l’esposizione di Giancarlo Petrini e di cogliere l’occasione per apprezzare Summers Wind, particolarmente adatta alla fotografia in-world.

Riferimenti

Esibizione artistica di Giancarlo Petrini 

Hai visitato la esibizione artistica del Petrini? Fammi sapere cosa ne pensi in un commento.

Advertisements