Creating a Second Life® community: the only added value it makes sense to invest which for SHARING common interests

Art in Virtual Worlds

There is a lot of talk about blogs for sharing information, opinions, and experiences. However, if each of us, to communicate an idea, thought and / or knowledge opens a blog, the risk is twofold: on the one hand the blog, if not started, will not have a lot of traffic and, therefore, will also have a few feedback; on the other hand, we will miss an excellent opportunity to share opinions among us.

LEGGI IN ITALIANO

Blogging is an extraordinary and innovative means of communication that is an essential form of self-expression for bloggers. The blogger, in fact, is not a journalist, even if this aspect escapes the majority of people who see in the blogger (especially if known and appreciated) an essential source of information and ability to influence the choices of others.

The blogger is not a journalist

However, even the most popular blog is unrepresentative, if no community revolves around it. Blogging without interfacing with people who read the blog is like cooking without worrying about whether others like what we have prepared or not. People’s feedback is as valuable as studying the best communication techniques.

It is by doing blogging that I realized some aspects that I would like to share in this post: these are observations that come from experience and information acquired through the study of communication for the web.

When you open a blog, or when you organize an event, when you begin an art gallery or when you host a concert, the need that always arises is to make your initiative known to as many people as possible. But… as many people as possible might not be at all interested in that subject. For example, suppose I’m an art curator who needs to invite people for the opening of a new exhibiting artist: what do I do?

If I have a Facebook profile (now essential for event promoters), I can create an event and invite all my contacts, or I can create an event within an art group so that all people in that group are encouraged. I can also share the event with the various groups.

That brings us to the question:

How useful is it to create critical on Facebook and share them in groups?

The answer is: enough. Over time I have understood that Facebook is an excellent communication tool and that correct use of this medium is undoubtedly beneficial for those who organize events, but … not enough.

The event must be created accurately, giving completeness of information and you must present it in such a way as to arouse the curiosity of the reader.

That, too, however, is not enough. In fact, the most successful events are those that revolve around a healthy community, a group of people who interact with each other every day, perhaps several times a day. In that case, in fact, the event will be a natural success, it will be the logical consequence of a well-kept garden regularly and frequently.

The garden metaphor was suggested to me by Annie Oh (Annie Brightstar on Facebook) who, introducing me to her in-world group “SL Culture & Fun,” spoke of the group itself as a garden, made of different plants and flowers. I would add that groups, wherever they are, are like gardens in need of care and attention and since they are made up of different plants and flowers, every plant and every flower needs special care and attention.

Committed? Surely.

That brings us to the question:

How do I grow a Facebook group and an In-World group?

What does the majority of people who create a group do?

If they create the group on Facebook, usually after starting it they hope that people will find it and join, or add people to the group, “forcing them to make a community.”

Creating a group and adding people at random is among the most penalizing behaviors that exist. In fact, if I form an art group in SL® and start adding fashion bloggers, it is highly likely that my invitation is not appreciated. I also invest my energy in people who, in any case, would not interact with the topics presented, for the simple reason that those topics are not of interest to them.

When you grow a group, you should always think that you are not adding accounts to make numbers, but people, with their interests and identities.

If I create a group that deals with art, my wish is that people who are interested in this subject will join the group and that, perhaps, they will participate in the exhibitions and events to which they are invited.

To grow a Facebook group takes time: by participating in conversations on the topic that interests us, also in other groups, we will meet people we can invite in ours, without risking to send random invitations and be seen as spammers.

The same applies to in-world groups, only the ways of interacting with others change. By participating in events related to the topic I am interested in, I will get to know people whom I can invite to my group and who are likely to interact with the community on that topic.

So let’s discover…

The golden rule

When I create a community, I look after the interests and needs of the people in the community, putting the community first.

This rule is the golden one: the Community is in the first place.

What does this rule mean?

It means that, if I create a group or open a blog, the people come first, also then me.

Therefore, spamming content without interacting with users is unuseful, especially over time.

You know that time is always short, so it’s difficult to give space to both writing and people, but if we want to have a community that follows us over time, we will have to invest in people, always and anyway. Spending time on the Community is the best possible investment, primarily because engaging with others on the issues that are of interest to us makes our SL® exciting and interesting.

Direct, one-to-one discussion is essential so that those who are part of the Community feel considered in their needs. Spamming content, however interesting and well written, is not enough.

Conclusion

You’ll have understood: the most important aspect to keep in mind is the Community, therefore. Whatever choice you made, it must revolve around the people who are part of the group, stimulated to express opinions through surveys, but also observed in its daily manifestations, to understand the real needs of the people who are part of it.

Recommended groups

Here’s a list of active, community-building groups on both Facebook and In-world that I suggest you follow.

  • Facebook:

Second Life Friends 

SL Culture & Fun

Art in Virtual Worlds

  • In-world:

SL Culture & Fun

Art & Environs

Are you part of any community that I didn’t mention in the article? Write it in a comment.

Creare una Second Life® community: l’unico valore aggiunto su cui ha senso investire per condividere interessi comuni

Si parla molto di blog per la condivisione di informazioni, opinioni ed esperienze. Tuttavia se, ognuno di noi, per comunicare un’opinione, un pensiero e/o un’informazione apre un blog, il rischio è duplice: da un lato il blog, se non avviato, non avrà un grosso traffico e, quindi, avrà anche pochi commenti di ritorno; dall’altro perderemo una grossa opportunità di condividere opinioni tra noi.

Il blog è uno straordinario e innovativo mezzo di comunicazione che per il blogger è una importante forma di espressione di sé. Il blogger, infatti, non è un giornalista, anche se questo aspetto sfugge alla maggioranza delle persone che vedono nel blogger (specie se conosciuto e apprezzato) una fonte di informazione importante e in grado di condizionare le scelte altrui.

Il blogger non è un giornalista

Tuttavia, anche il blog più apprezzato è poco rappresentativo, se non esiste una community che ruota attorno ad esso. Fare blogging senza interfacciarsi con le persone che leggono il blog è come cucinare senza preoccuparsi che agli altri piaccia o meno quello che abbiamo preparato. Il feedback delle persone è importante tanto quanto studiare le migliori tecniche di comunicazione.

È proprio facendo blogging che mi sono accorta di alcuni aspetti che desidero condividere in questo post: si tratta di osservazioni che nascono dall’esperienza e di informazioni acquisite attraverso lo studio della comunicazione per il web.

Quando si apre un blog, oppure quando si organizza un evento, quando si inaugura una galleria d’arte o quando si organizza un concerto, l’esigenza che si presenta è sempre quella di far conoscere la propria iniziativa al maggior numero di persone possibile. Però… il maggior numero di persone possibile potrebbe non essere affatto interessato a quell’argomento. Ad esempio, supponiamo che io sia un curatore d’arte che ha necessità di invitare persone per l’opening di un nuovo artista espositore: cosa faccio?

Se ho un profilo Facebook (ormai essenziale per chi promuove eventi) posso creare un evento ed invitare tutti i miei contatti, oppure posso creare un evento all’interno di un gruppo che si occupa di arte in modo che tutte le persone che fanno parte di quel gruppo siano invitate. Posso anche condividere l’evento nei vari gruppi.

Arriviamo quindi alla domanda:

Quanto è efficace creare eventi su Facebook e condividerli nei gruppi?

La risposta è: abbastanza. Nel tempo ho compreso che Facebook è un ottimo strumento di comunicazione e che un uso corretto di questo mezzo è senz’altro vantaggioso per chi organizza eventi, ma… non basta.

L’evento deve essere creato in modo accurato, dando completezza di informazioni e le stesse devono essere presentate in modo da solleticare la curiosità di chi legge.

Anche questo, però, non è sufficiente. Infatti, gli eventi che hanno maggiore successo sono quelli che ruotano attorno ad una comunità forte, un gruppo di persone che interagiscono fra loro ogni giorno, magari più volte al giorno. In quel caso, infatti, l’evento avrà un successo naturale, sarà la logica conseguenza di un giardino ben curato con regolarità e frequenza.

La metafora del giardino me l’ha suggerita Annie Oh (Annie Brightstar su Facebook) che, introducendomi nel suo gruppo in-world “SL Culture & Fun”, mi ha parlato del gruppo stesso come di un giardino, fatto di piante e fiori diversi. Io aggiungerei che i gruppi, ovunque essi siano, sono come giardini bisognosi di cure e attenzioni e, siccome sono fatti di piante e fiori diversi, ogni pianta e ogni fiore necessita di cure e attenzioni particolari.

Impegnativo? Sicuramente.

Arriviamo quindi alla domanda:

Come si fa crescere un gruppo Facebook  e un gruppo In-World?

La maggioranza delle persone che crea un gruppo, cosa fa?

Se il gruppo è creato su Facebook, di solito dopo averlo avviato si spera che la gente lo trovi e aderisca, oppure si aggiungono persone al gruppo, “forzandoli a fare community”.

Creare un gruppo e aggiungere persone a caso è tra i comportamenti più penalizzanti che esistano. Infatti, se creo un gruppo sull’arte in SL® e inizio ad aggiungere fashion bloggers è altamente probabile che il mio invito non sia apprezzato. Inoltre investo le mie energie su persone che, comunque, non interagirebbero con gli argomenti esposti, per la semplice ragione che quegli argomenti non sono di loro interesse.

Quando si fa crescere un gruppo, bisognerebbe sempre pensare che non si stanno aggiungendo accounts per fare numero, ma persone, con i propri interessi e identità ben precisi.

Se creo un gruppo che tratta di arte, il mio desiderio sarà che aderiscano al gruppo stesso persone che abbiano interesse per questo argomento e che, magari, partecipino alle mostre e agli eventi a cui sono invitati.

Per fare crescere un gruppo Facebook occorre tempo: partecipando alle conversazioni sul tema che ci interessa, anche in altri gruppi, conosceremo persone che potremo invitare nel nostro, senza rischiare di mandare inviti a caso ed essere visti come spammers.

Lo stesso discorso vale per i gruppi in-world, cambiano solo le modalità di interazione con gli altri. Partecipando ad eventi relativi all’argomento di mio interesse, conoscerò persone che potrò invitare nel mio gruppo e che, con una buona probabilità, interagiranno con la community sul quel topic.

Arriviamo quindi a scoprire…

La regola d’oro

Quando creo una community, curo gli interessi e le esigenze delle persone che ne fanno parte, mettendo la community al primo posto.

Questa è la regola d’oro: la Community è al primo posto.

Cosa significa in concreto questa regola?

Significa che, se creo un gruppo o apro un blog, prima vengono le persone che seguono il blog e/o il gruppo e poi vengo io.

Quindi, spammare contenuti senza interagire con gli utenti serve a poco, soprattutto nel tempo.

Si sa, che il tempo è sempre poco, quindi è difficile dare spazio sia alla scrittura che alle persone, ma se vogliamo avere una community che ci segua nel tempo, dovremo investire nelle persone, sempre e comunque. Dedicare del tempo alla Community è il miglior investimento possibile, soprattutto perché confrontarsi con gli altri sui temi che sono di nostro interesse rende la nostra SL® stimolante e interessante.

Essenziale è il confronto diretto, one-to-one, affinchè chi fa parte della Community si senta considerato nelle sue esigenze. Spammare contenuti, per quanto interessanti e ben scritti, non è sufficiente.

Conclusione

Lo avrai capito: l’aspetto più importante da tenere presente è la Community, quindi. Qualsiasi scelta venga fatta, deve ruotare attorno alle persone che fanno parte del gruppo, stimolato a esprimere opinioni attraverso sondaggi, ma anche osservato nelle sue manifestazioni quotidiane, in modo da comprendere le reali esigenze delle persone che ne fanno parte.

Gruppi consigliati

Ecco un elenco di gruppi attivi, che fanno community, sia su Facebook che In-world e che vi consiglio di seguire.

  • Su Facebook:

Second Life Friends 

SL Culture & Fun

Art in Virtual Worlds

  • In-world:

SL Culture & Fun

Art & Environs

Fai parte di qualche community che non ho menzionato nell’articolo? Scrivilo in un commento.

Advertisements