December 12, 2018

You are here: / Second Life® / That need to show off what you’re not

That need to show off what you’re not

The happiness, the real one, that intoxicates our existence and catches us suddenly, unprepared for its seemingly senseless arrival (because there does not seem to be a reason to justify its alternation to our reality of the moment) is an event as rare as precious. I’m talking about that kind of “magic” serenity that doesn’t have a reason and yet has decided to rest on us, like a butterfly that chooses us for a moment as a place of refreshment.

LEGGI IN ITALIANO

If you’ve tried it, at least once, you know what I’m talking about.
It’s such an intoxicating feeling that you don’t want to flaunt it, but just live it in that one instant of awareness.
Now, that’s a moment of truth. A feeling of yours that you receive as an unexpected gift, without reason.

Without wanting to do any kind of moralism and, above all, without wanting to express any judgment (this is not the purpose of this post), today I reflected that many people flaunt happiness that they do not have. They do so in different ways, depending on the meaning that each one attributes to the word “happiness.” For example, those who believe that happiness is synonymous with economic well-being will show off a luxury that is not part of their daily lives. Who thinks that to be happy he must be in love, will publish photos of film couples, perfect in suggesting a joy that (perhaps) is the only surface.

In Second Life® the behavior is not different, on the contrary. The virtual world by definition allows you to hide even better, to create a protective veil around its authenticity, increasingly hidden under different layers of respectability and hypocrisy. In particular, it allows you to pretend to be realized in some activities, where in everyday life (maybe) you live a perpetual frustration about your work, your life choices, your partner, and so on. Nothing new, I’m talking about already known situations.

This apparently harmless behavior leads those who experience it to live detached from their own authenticity and, as such, represents a danger to which they must pay attention. As long as you stay within your limits and are aware of your own reality, living in SL® a realization that escapes in RL can also be positive. The problem arises when there is a lack of balance, that is, when we allow ourselves to be taken in by a reality that does not belong to us. Especially when you get to “lose your sense of self”, confusing your identity with the character we created in the virtual, whoever it is.

In reality, the virtual environment is a unique opportunity to know nuances and sides of oneself that we did not believe existed. It presents us with dark sides of our personality, just because it puts us in front of situations that in our daily reality we would not live. And since the only way we know ourselves is to experience ourselves, it is natural that SL® allows us a broader knowledge of our personality, for better or for worse (or at least, of what we believe to be good or bad).

The virtual world, therefore, intended as a tool is excellent from this point of view, is able to open our eyes to aspects of us that until recently were dark.
The problem arises when we lose awareness when the medium (SL®) becomes the end when we need the virtual world as a stage to find confirmation and realization. The drama arises when we become dependent on a reality that (let’s face it) does not exist. This is because only in that really do we find the satisfaction that we lack elsewhere. So here are the photos of the couple flaunted on social media, here is that everything revolves around that place that we manage, that project that we have in mind. And if something or someone stands between us and that dream that for us is our SL®, we become angry, going down to behaviors that we never thought we could be ours in the real world to which we are accustomed. Because this is our dream, no one should stand between us and our happiness.

Then let’s return to happiness, from which we started. What is happiness? If for me happiness is synonymous with professional achievement and in RL the work I do is not satisfactory from my point of view, it is likely that in SL® I will invent a role that gives me the satisfaction that I lack in RL. SL® becomes a surrogate that missed the opportunity to be what they are not in everyday life.
For example, I’ll talk about the only person I know well: myself. At RL, my professionalism is legal. I’m not a blogger, and I’m not even an artist (as much as I learned pencil drawing as a child thanks to my mother’s teachings). I admit that I like to devote myself to both of these activities in SL® because the virtual environment gives me the opportunity to bring into play aspects of my personality that would otherwise remain unexplored. However, I am aware that being a blogger or an artist in the professional sense of the term is an entirely different story.

Moreover, my real work satisfies me, so I don’t look for substitutes: I use SL® to explore myself, but I don’t let it use me. In other words: I write when I can without obligation, I make exposures when I have the opportunity and without stress. But above all, I don’t consider myself an artist or a blogger.
The risk of flaunting what you do not have or what you are not, of course, is to lose yourself. Wherever we do it, whether it’s SL® or Social.

It’s the risk of living on stage that puts on stage a character, instead of the person, who flaunts a life that is missing in reality, but that one would desperately want.
I understand that I am with people who are having trouble accepting their own reality when their SL® becomes a terribly severe fact. To give an example without revealing the person in question, months ago an artist contacted me saying that if I didn’t value her, it didn’t make sense to be in her circle of contacts. After some messages, I realize that by “giving value” she meant “writing an article.”

Needless to say, I’m no longer in her circle of contacts.

What I find most incredible is that some people live in the illusion of being someone in SL®. But if they disappeared tomorrow, the truth is that few would really miss them.
I conclude by quoting the words of a new “friend,” Oema (0OEMA0):

“You are nothing”

Very true. I am nothing, but the difference between me and others is that I never thought otherwise.
Oh, for those who don’t know: Oema (0OEMA0) is an avatar that pretends to be my alt. As sympathetic as she is to me, I don’t suggest to accept anything from her.

In conclusion, I believe that losing the sense of reality is a moment while recovering it requires discipline. Every day we focus our attention on who we really are, abandoning every superstructure. We will gain in psychophysical well-being and in our relationship with others.

Quell’esigenza di mostrarsi per quello che non si è

La felicità, quella vera, che inebria la nostra esistenza e ci coglie all’improvviso, impreparati al suo arrivo apparentemente insensato (perchè non sembra esserci un motivo che giustifichi il suo avvicendarsi alla nostra realtà del momento) è un evento tanto raro quanto prezioso. Parlo di quel tipo di serenità “magico” che non ha un perchè eppure ha deciso di posarsi su di noi, come una farlalla che ci sceglie per un attimo come luogo di ristoro.

Se l’hai provata, almeno una volta, sai di cosa parlo.

Si tratta di una sensazione talmente inebriante che non ti viene voglia di ostentarla, ma solo di viverla in quell’unico istante di consapevolezza.

Ecco, questo è un attimo di verità. Una sensazione tua che ricevi come un dono inaspettato, senza un perchè.

Senza voler fare alcun tipo di moralismo e, soprattutto, senza voler esprimere alcun giudizio (non è lo scopo di questo post), oggi riflettevo sul fatto che molte persone ostentano una felicità che non possiedono. Lo fanno in modi diversi, a seconda del significato che ognuno attribuisce alla parola “felicità”. Chi ad esempio ritiene che felicità sia sinonimo di benessere economico, ostenterà un lusso che non è parte della sua vita quotidiana. Colui che pensa che per essere felici si deve essere innamorati, pubblicherà foto di coppia cinematografiche, perfette nel far supporre una gioia che (forse) è solo di superficie.

In Second Life® il comportamento non è differente, anzi. Il mondo virtuale per definizione consente di nascondersi ancora meglio, di creare un velo protettivo intorno alla propria autenticità, sempre più nascosta sotto diversi strati di perbenismo e ipocrisia. In modo particolare permette di fingersi realizzati in qualche attività, laddove nella vita quotidiana (magari) si vive una perenne frustrazione riguardo al proprio lavoro, alle proprie scelte di vita, al proprio partner, e via dicendo. Nulla di nuovo, parlo di situazioni già note.

Questo comportamento, apparentemente innocuo, conduce chi lo sperimenta a vivere distaccato dalla propria autenticità e, come tale, rappresenta un pericolo a cui prestare attenzione. Finchè si resta nei limiti e si è consapevoli della propria realtà, il fatto di vivere in SL® una realizzazione che sfugge in RL può anche essere positivo. Il problema nasce quando manca equilibrio, ovvero quando ci si lascia prendere la mano da una realtà che non ci appartiene. Soprattutto quando si arriva a “perdere il senso di sè”, confondendo la propria identità con il personaggio che abbiamo creato nel virtuale, chiunque esso sia.

In realtà l’ambiente virtuale è una occasione unica per conoscere sfumature e lati di sè che non credavamo esistessero. Ci presenta lati oscuri della nostra personalità, semplicemente perchè ci mette di fronte a situazioni che nella nostra realtà quotidiana non vivremmo. E dato che l’unico modo che abbiamo di conoscere noi stessi è quello di fare esperienza di noi stessi, è naturale che SL® ci permetta una conoscenza più ampia della nostra personalità, nel bene e nel male (o quantomeno, di quello che noi crediamo essere bene o male).

Il mondo virtuale, quindi, inteso come strumento, è eccellente da questo punto di vista, è in grado di aprirci gli occhi su aspetti di noi che fino a poco prima ci erano oscuri.

Il problema nasce quando perdiamo consapevolezza, quando il mezzo (SL®) diventa il fine, quando abbiamo bisogno del mondo virtuale come di un palcoscenico per trovare conferme e realizzazione. Il dramma nasce quando diventiamo dipendenti da una realtà che (ammettiamolo) non esiste. Questo perché solo in quella realtà troviamo la soddisfazione che altrove ci manca. E allora ecco le foto di coppia ostentate sui social, ecco che tutto ruota attorno a quel locale che gestiamo, a quel progetto che abbiamo in mente. E se qualcosa o qualcuno si frappone tra noi e quel sogno che per noi è la nostra SL®, diventiamo rabbiosi, scendendo a comportamenti che mai avremmo creduto poter essere nostri nell’ambito reale a cui siamo abituati. Perchè questo è il nostro sogno, nessuno deve frapporsi tra noi e la nostra felicità.

Torniamo allora alla felicità, da cui siamo partiti. Cos’è la felicità? Se per me la felicità è sinonimo di realizzazione professionale e in RL il lavoro che svolgo non è soddisfacente dal mio punto di vista, sarà probabile che in SL® io mi inventi un ruolo che mi dia quella soddisfazione che in RL mi manca. SL® diventa un surrogato, quell’occasione mancata per essere quello che nella quotidianità non sono.

Per fare un esempio parlerò dell’unica persona che conosco bene: me stessa. In RL la mia professionalità è quella legale. Non sono una blogger e non sono nemmeno un’artista (per quanto io abbia imparato il disegno a matita da piccola grazie agli insegnamenti di mia madre). Ammetto che mi piace dedicarmi a entrambe queste attività in SL® perchè l’ambito virtuale mi dà la possibilità di mettere in gioco aspetti della mia personalità che, altrimenti, resterebbero inesplorati. Tuttavia ho la consapevolezza che essere una blogger o un’artista nel senso professionale del termine è tutt’altra storia. Inoltre il mio lavoro reale mi soddisfa, quindi non cerco surrogati: uso SL® per esplorarmi, ma non mi faccio usare da esso. Detto altrimenti: scrivo quando posso senza impegno, faccio esposizioni quando ne ho la possibilità e senza stress. Ma soprattutto non mi considero nè un’artista nè una blogger.

Il rischio di ostentare quello che non si ha o quello che non si è, ovviamente, è quello di perdere se stessi. Ovunque, in qualunque mondo lo facciamo, che sia SL® o sui Social.

È il rischio di vivere sul palcoscenico che mette in scena un personaggio, al posto della persona, che ostenta una vita che manca nella realtà, ma che disperatamente si vorrebbe.

Capisco che sono in presenza di una persona in difficoltà nell’accettare la propria realtà, quando la sua SL® diventa un fatto terribilmente serio. Per fare un esempio senza svelare la persona in questione, mesi fa un’artista mi contattó dicendomi che, se io non le davo valore, non aveva senso essere nella sua cerchia di contatti. Dopo alcuni messaggi, realizzo che per “dare valore” lei intendeva “scrivere un articolo”.

Inutile dire come è finita: non sono più nella sua cerchia di contatti.

L’aspetto che trovo più incredibile è il fatto che alcuni vivono nella illusione di essere qualcuno in SL®. Ma se domani costoro sparissero, la verità è che in pochi ne sentirebbero una reale mancanza.

Concludo citando le parole di una nuova “amica”, Oema (0OEMA0):

“Tu sei nulla”

Verissimo. Io sono nulla, ma la differenza tra me e altri è che non ho mai pensato diversamente.

Oh, per chi non lo sapesse: Oema (0OEMA0) è un avatar che finge di essere un mio alt. Per quanto mi faccia simpatia, meglio non accettare nulla da lei.

Per concludere, credo che perdere il senso della realtà sia un attimo, mentre recuperarlo richiede disciplina. Focalizziamo ogni giorno l’attenzione su chi siamo realmente, abbandonando ogni sovrastruttura. Ne guadagneremo in benessere psicofisico e nel rapporto con gli altri.

Oema

Virtual Reality passionate.

YOU MIGHT ALSO LIKE

4 COMMENTS

  • Ambre Singh

    Thank you Oema for this profound article.

    I would say that SL and other virtual worlds are, as you suggest, mirrors of our selves. As such, they can be a powerful tools of self discovery, or weapons of self-destruction.

    A virtual world like SL can be compared to a shamanic journey or a psychedelic trip, because fundamentally, we travel inside our own psyche, it is an inner journey. The meaning we give to the virtual experience come from our own beliefs and systems of representation. It’s not innocent, it’s not a game: for an unprepared, immature mind, it can even be devastating.

    For an analogy and in poor terms, the Tibetan Book of Death is a roadmap through the Bardo, a place we reach after death and where we are challenged with our expectations, fears, fantasies, hopes – in brief, projections. It is said that letting go of all these projections allows Self-Liberation. Sometimes I consider SL as a mini-bardo.

    Sincerely, I don’t draw a frontier between Real Life® and Second Life®. In both worlds, the majority live in denial, in a form of collective madness; divorced from the inner self, we experience “life” through our expectations, fears and fantasies, trying to fill up an abyss of unsatisfaction. Otherwise, the world would be different.

    The quest for happiness is a lure. It’s impossible to bargain with life and be happy, be that in RL, SL or in any other theaters of life. Happiness just happens when the greedy focus on my story dissolves, replaced by the joy of sharing. When generosity becomes the common ground.

    And yet, surfing the waves of relationships in SL is not always easy. The beings I meet in SL are real: not their pixels, but the spirit, intelligence and sensitivity inhabiting these pixels. So I care for them and respect them, even if I do not always agree with their life choices. This caring is often misinterpreted. I wrote an article about this phenomenon, here: https://ambresinghjourneys.com/2018/03/19/cache-clearing/

    Finally, we are all learning, some are aware of the fact, others not. SL is a wonderful collective experience, filled with creativity and with so many delightful people.

    And when it gets complicated, it’s a good opportunity to look in the mirror, send love and move on.

    • Oema

      Thanks, Ambre 🙂
      The distinction between RL and SL® does not exist, of course. I only use it to make people understand what I am referring to in a specific context 😉

  • Cecilia Kanya

    I agree with you, there is a door between the real and the fantasy, we have to realize that as we pass through this door, we will be the same, coherent and keeping ourselves worthy and sincere, because behind each avatar there is a human being with a heart who beats, loves, suffers and wants to be happy!!!

    • Oema

      Thank you, Cecilia 🙂

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

%d bloggers like this: