Why You Feel the Need to Share on Social Media?

Read in English

Sharing on social media what we want others to see. Choose carefully the content that we post to have the appreciation of others, the likes, the applause of our audience. Living by sharing every day, checking that what we have shared is appreciated, in turn, shared and recognized as valuable.
It is the disease of our time.

Foolishly we seek the consent of people who, in most cases, we do not even know.

Why? What drives us to share our lives, our thoughts, our desires, and our moments?
The answer is only one: the other’s approval.
Why do we want the approval of others so much? Here, too, the answer is simple: to increase our self-esteem.
Not me, but psychologists of the caliber of Wilcox and Stephen who highlight this aspect in the text “Are Close Friends the Enemy? Online Social Networks, Self-Esteem, and Self-Control”.
I agree with this vision.
The need to share aspects of one’s life is closely linked to the need to feel better.

You share to create an online image that makes you feel better offline.

Sharing information or newspaper articles is not, of course, part of this narrative. Those who share information do so to enrich themselves also through the stimulation of the opinion of others. On Facebook, there are many groups in which it is possible to share views, compare, and learn.
However, there are many cases in which people show their life moments, whether positive or negative. The aim is to attract the attention of friends to feel close to them in their utterances.
Feeling close to friendsthat sounds like a positive expectation. Who doesn’t want to feel close to friends during the moments of their life?
There would be no problem if social media could be a tool for keeping people in touch who know each other and support each other.
However, social networks are mostly used to have an audience, to generate consensus.
We all fell for it a bit.
We need to remember that those who have solid self-esteem do not need to share the moments of their life. They don’t feel the need to create an image of themselves that others appreciate.
There is a subtle trap in the game of sharing: the selection of content. That is, we share what we think others might like, giving an image of us that is misleading, not true.

We implicitly despise those parts of us that we don’t want others to know, hiding them under the carpet of shame.

And so we despise ourselves. None of us is 100% positive, just as none of us is harmful.
But then what does positive and negative mean? For some, positive has a meaning that for others, is simply inconceivable.
Self-esteem passes through the acceptance of oneself, for better or for worse.
Self-esteem is understanding and indulgence towards our human misery that spares no one.
Self-acceptance is to love oneself in a profound understanding of one’s own identity and life situation.

Self-love is to understand that the only faithful travel companion who will never abandon me… is me.

When we are at peace with ourselves, we do not feel the need to share anything, because it is not from a virtual image that we draw our energy. It’s from being aware of who we are and consistent with our identity.
Everything else is a pretext.

Leggi in Italiano: Perchè Senti L’Esigenza di Condividere sui Social Media?

Condividere sui social quello che vogliamo che gli altri vedano. Scegliere accuratamente i contenuti che postiamo con l’intenzione di avere l’apprezzamento altrui, i likes, gli applausi della nostra platea. Vivere di condivisione ogni giorno, controllando che quello che abbiamo condiviso sia apprezzato, a sua volta condiviso e riconosciuto di valore.
E’ la malattia della nostra epoca.
Insensatamente cerchiamo il consenso di persone che, nella maggioranza dei casi, non conosciamo nemmeno.
Perchè? Cosa ci spinge a condividere la nostra vita, i nostri pensieri, i nostri desideri e i nostri momenti no?
La risposta è una sola: l’approvazione altrui.
Ma perchè desideriamo così tanto l’approvazione altrui? Anche qui la risposta è semplice: per aumentare la nostra autostima.
A dirlo non sono io, ma psicologi del calibro di Wilcox e Stephen che mettono in evidenza questo aspetto nel testo “Are Close Friends the Enemy? Online Social Networks, Self-Esteem, and Self-Control“.
Condivido questa visione.
La necessità di condividere aspetti della propria vita è strettamente collegata con il bisogno di sentirsi meglio.

Si condivide per creare una propria immagine online che ci faccia sentire meglio offline.

Naturalmente la condivisione di informazioni o di articoli di giornale non rientra in questa narrazione. Chi condivide informazioni lo fa per arricchire se stesso anche attraverso la stimolazione dell’opinione altrui. Su Facebook esistono numerosi gruppi in cui è possibile lo scambio di opinioni, il confronto e l’apprendimento.
Tuttavia sono numerosi i casi in cui le persone condividono i propri momenti di vita, positivi o negativi che siano. Ovviamente lo scopo è attirare l’attenzione degli amici per sentirli vicini nelle proprie esternazioni.
Sentire vicini gli amici… detto così sembra una aspettativa positiva. Chi non desidera sentire vicini gli amici durante i momenti della propria vita?
Se i social potessero davvero essere uno strumento per mantenere in contatto persone che si conoscono realmente e che si sostengono a vicenda, non ci sarebbe nessun problema.
Tuttavia i social sono usati per lo più per avere una platea, per generare consensi.
Ci siamo cascati un po’ tutti.
Bisogna ricordarsi ogni tanto che chi ha una solida autostima non ha bisogno di condividere i momenti della sua vita, nè sente l’esigenza di creare una immagine di sè che gli altri apprezzano.
C’è una trappola sottile nel gioco della condivisione: la selezione dei contenuti. Ovvero, condividiamo quello che pensiamo possa piacere agli altri, dando una immagine di noi fuorviante, non veritiera.

Implicitamente disprezziamo quelle parti di noi che non vogliamo gli altri conoscano, nascondendole sotto il tappeto della vergogna.

E così ci disprezziamo. Nessuno di noi è positivo al 100% così come nessuno di noi è negativo in senso assoluto.
Ma poi cosa significa positivo e negativo? Per alcuni positivo ha un significato che per altri è semplicemente inconcepibile.
La autostima passa attraverso la accettazione di se stessi, nel bene e nel male.
L’autostima è comprensione e indulgenza verso la nostra miseria umana che non risparmia nessuno.
L’accettazione di sè si ottiene amando se stessi nella profonda comprensione della propria identità e situazione di vita.

L’amore di sè si ottiene comprendendo che l’unico vero compagno di viaggio che non ci abbandonerà mai… sono proprio io.

Quando siamo in pace con noi stessi non avvertiamo l’esigenza di condividere nulla, perchè non è da una immagine virtuale che traiamo la nostra energia, ma dal fatto di essere consapevoli di chi siamo e coerenti con la nostra identità.
Tutto il resto è una scusa, un banale pretesto.

Continue Reading

The missing Second Life® community on Facebook

Facebook Second Life community

I read with interest the news published on New World Notes about the birth of a Reddit community of 5000 Second Life® members that discusses, compares and helps every day on various Linden Lab’s virtual world topics. Creating a community like this one it has always been my most ambitious project, even if I wanted to realize it on Facebook.
So, I created two groups on Facebook related to Second Life®, a more generic one dealing with any subject related to the virtual world, and another more specific one about art in virtual worlds. In both cases, I could not get a community similar to the Reddit’s one. In recent times, I have reflected on the reasons for this failure and have arrived at some conclusions. First of all, Facebook is a different social concerning Reddit: in FB groups, any member can post its contents without particular restrictions, so that they are a sequence of post-spam related to the most different topics. Reddit is a different social, which focuses on content and interaction with them. FB pages are more suitable to obtain a result similar to Reddit’s one, where fans can (if the page author allows) add their contents, but are encouraged to do so in an engaging way, trying to get interaction and giving rise to a discussion. A second reason is that the FB group should promote all content related to a specific topic and not just some. For example, in the group dealing with art, it is essential that people develop the topic to 360 degrees, without excluding anyone. This aspect is all the more significant if one thinks that otherwise, the group would become an opportunity to promote only some galleries and some artists.
Another critical aspect is the tendency of people to desire shining more than others in the SL® firmament. This one is a problem that can hardly be solved. The people’s will to want to prevail on others is one of the most significant obstacles to the birth of a healthy community. The interest of the community comes before the benefit of the individual member in the group and each member is happy to contribute to the growth of a healthy society.
I intend to renew the group on art, while I will probably close the generic one on SL® (there are already many groups). I hope to be able to correct the mistakes made so far and to draw from them the lessons necessary to offer a better community.
Second Life Art Group on Facebook
Group of Art and Environs Inworld (URI: secondlife:///app/group/99fb4cd4-29ac-7fac-2f1d-9a036c6b5951/about – free membership and possibility to send notices and add new members).

Continue Reading

The influencer: who he is, what he does and how he lives in Second Life

The Second Life Influencer

More and more often we hear about influencers even if we often do not have a precise idea of ​​who he is, of how he lives and what he exactly does. In this article I wanted to talk about influencers in Second Life, trying to understand better who they are and how they can influence users’ purchases.

When we hear about influencers in everyday life, immediately our thoughts go to our local Chiara Ferragni. The Ferragni is for many a real icon, a woman who from nothing has managed to build an empire.

What is the definition of the influencer?

The influencer is the one who through posts, chirps, and shots can move and direct the opinion of followers as he likes. In a few minutes, he has the charm of conditioning opinions, feelings, and choices.

The influencer is a user with thousands of followers scattered on various social networks, it can be a YouTuber, have a site, but generally, he almost always has a blog on which he writes the articles that he then shares on the various channels. Every time he shares a post, a photo or a video, he receives hundreds of thousands of views thanks to the trust of his followers. An Influencer is a person capable of conditioning the thoughts and decisions of others thanks to what he thinks and writes. On social networks, today they are dictating: times, trends and the modalities of global communication … they have the power to decide what it is IN and what is it OUT. (definition by Linkedin).
In Second Life the definition of influencer does not change, what changes is the context in which it works that is the virtual one. The influencer in SL is, therefore, he or she who manages to influence the purchase choices of his followers with a simple post (which he will share on his various social networks).
The easiest way to understand who an influencer is, it is to give some examples. In SL the only fashion blogger worthy of the name is Strawberry Singh (https://strawberrysingh.com/), an icon of class and professionalism, whose talent is recognized and appreciated by the same Linden Lab ™.


There are also other minor influencers, especially Youtubers who manage their videos to divert the purchasing choices of different metaverse users. A notable example is Cassie Middles (https://www.youtube.com/channel/UCNWTrMFcdcS4_Uj3haBYj2Q), which has 2804 subscribers and 504 uploaded videos.

What does the influencer do?

The influencer writes posts that he publishes on his blog and shares on his social networks. Or make videos that upload to Youtube, Vimeo, Twitch or others and then share on various social networks.
That’s all? Yes, that’s all.
The point is not so much what an influencer does, but how he does it. It is enough to observe a post by Strawberry Singh to understand that influencer is a serious word and that it is not improvised. To be considered influencers within a community, it must be shown to be an authority in that context, so that the group sees in us an essential point of reference. It is necessary to try a notable passion for the topic for which we propose influencers to achieve this result, and we must not miss the opportunity to comment and be known within a community through forums and social networks. The influencer publishes posts that are intended to promote products that will be purchased by his followers. The creators of those products will benefit from cheap advertising, achieving better results than traditional advertising can offer.

How does the influencer live?

The influencer lives for his posts. His is a full-time job that absorbs him so much that he becomes a way of being. He also tends to share personal information to capture the attention of his followers. Fragments of life and own experiences are offered to an audience thirsty for gossip and glamorous characters.

Conclusions

The influencer is the one who sells. The purpose of the influencer is to promote a product. The one who shares information and has many followers, but does not sell, is not an influencer.


Leggi in Italiano →L’influencer: chi è, cosa fa e come vive in Second Life

Sempre più spesso sentiamo parlare di influencer anche se molte volte non abbiamo un’idea di chi sia, di come viva e cosa faccia di preciso. In questo articolo ho voluto parlare degli influencers in Second Life, cercando di comprendere meglio chi sono e come riescono a condizionare gli acquisti degli utenti.

Quando sentiamo parlare di influencer nella vita quotidiana, immediatamente il nostro pensiero va alla nostrana Chiara Ferragni. La Ferragni, infatti, rappresenta per molti una vera e propria icona, una donna che dal nulla è riuscita a costruire un impero.

Chi è di preciso l’influencer?

L’influencer è colui che attraverso post, cinguettii e scatti riesce a spostare e indirizzare l’opinione dei followers a suo piacimento. In pochi minuti ha il fascino di condizionare opinioni, sentimenti e scelte.

l’Influencer è un utente con migliaia di seguaci sparsi sui vari social network, può essere uno YouTuber, avere un sito, ma in genere ha quasi sempre un blog sul quale scrive gli articoli che poi condivide sui vari canali. Ogni volta che condivide un post, una foto o un video, riceve centinaia/migliaia di visualizzazioni grazie alla fiducia dei suoi followers. Un Influencer è una persona capace di condizionare i pensieri e le decisioni degli altri grazie a ciò che pensa e scrive. Sui social, oggi sono loro a dettare: tempi, tendenze e le modalità della comunicazione globale … hanno il potere di far decidere cosa è IN e cosa è OUT. (definizione tratta da Linkedin).

In Second Life la definizione di influencer non cambia, ciò che muta è il contesto in cui lavora che è quello virtuale. L’influencer in SL è dunque colui o colei che riesce a condizionare le scelte di acquisto dei suoi followers con un semplice post (che verrà condiviso sui suoi vari social network).

Il modo più semplice per comprendere chi è un influencer è fare degli esempi. In SL l’unica fashion blogger degna di questo nome è Strawberry Singh (https://strawberrysingh.com/), una icona di classe e professionalità, il cui talento è riconosciuto e apprezzato dalla medesima Linden Lab™.

Esistono anche altri influencers minori, soprattutto Youtubers che riescono coi loro video a dirottare le scelte di acquisto di diversi utenti del metaverso. Un esempio importante è Cassie Middles (https://www.youtube.com/channel/UCNWTrMFcdcS4_Uj3haBYj2Q), che ha al suo attivo 2804 iscritti e 504 video caricati.

Cosa fa L’influencer?

L’influencer fa posts che pubblica sul suo blog e condivide sui suoi social. Oppure fa video che carica su Youtube, Vimeo, Twich o altri e che poi condivide sui vari social networks.

Tutto qui? Sì, tutto qui.

Il punto non è tanto quello che fa un influencer, ma come lo fa. E’ sufficiente osservare un post di Strawberry Singh per comprendere che influencer è una parola seria e che non ci si improvvisa tale. Per essere considerati influencers all’interno di una comunità, occorre avere dimostrato di essere una autorità in quel contesto, in modo che il gruppo veda in noi un punto di riferimento importante. Per arrivare a questo risultato occorre provare una notevole passione per l’argomento per cui ci si propone influencer e non si deve perdere l’occasione per commentare e farsi conoscere all’interno di una comunità attraverso i forum e i social. L’influencer pubblica post che hanno lo scopo di promuovere prodotti che verranno acquistati dai suoi followers. I creatori di quei prodotti beneficeranno di una pubblicità a buon mercato, ottenendo risultati migliori di quelli che la pubblicità tradizionale sarebbe in grado di offrire.

Come vive l’influencer?

L’influencer vive per i suoi posts. Il suo è un lavoro a tempo pieno che lo assorbe talmente tanto da diventare un modo di essere. Egli tende a condividere anche informazioni personali pur di catturare l’attenzione dei suoi followers. Frammenti di vita e di esperienze personali vengono offerti a una platea assetata di gossip e personaggi glamour.

Conclusioni

Influencer è colui che vende. Lo scopo dell’influencer è quello di promuovere un prodotto. Colui che condivide informazioni e ha molti followers, ma non vende, non è un influencer.

Continue Reading

That’s why I am not “social”

Why I am not social

There was a time when socialization was a fundamental part of my life, even though I always cut out time spaces that were the only mine, small moments to catch my breath and get back in touch with myself.

LEGGI IN ITALIANO

There was a time when laughing with people was part of ordinary life, made up of play and cooperation.

Then time passes, people change, you change.

Because we can tell each other what we want, but the truth is that if the context in which we live changes, we mute with him.

And the context has changed, it has changed for sure.

With the advent of social media, all communication has changed radically. We had to keep up with the times, not to be cut off from the world, out of global information. We reinvented ourselves within platforms of which we knew nothing, and we became regular users.

I have always been a communication lover, also because it would be unthinkable for a lawyer not to be able to communicate. Seeing the developments that communication has known over the years has been interesting, I deepened the way news “runs on the wire” of the network, understanding and making my own the best communication techniques.

I’m tired today.

I am tired of a communicative context now considered standard in which there is no visual contact with the other, in which I can not hear the infinite shades of expression of the voice, tired of the endless conflict situations in which the echo chambers feel entitled to offend for no reason, except to give themselves a minimum of visibility (which I can not get otherwise).

The community of Second Life® on Facebook is no exception; there are socialization known groups of echo chambers that attack the target on duty to make him lose his temper and bring him to angry responses, thus causing damage to his image. Yes, because while keyboard bullies have nothing to lose (their image has ruined in the bud), good people suffer damage when they fall into the trap.

Then what’s the best way? Ignore, of course. Even the worst provocations.

Some time ago I read a book on the best techniques for managing anger, and I had fun with a little trick to calm down instantly: the method of the “cow in the parking lot.” One of the most conflictual situations we encounter in our daily lives is when someone incorrectly “steals our parking space,” the free place we were the first to see. Anyone would be angry, also because finding another one is often a real feat. Understanding why we get angry helps us to understand how to overcome anger. We get angry because we think that the other person, whom we see as our fellow man, has “screwed” us over and damaged us at the same time. However, the other is not our kind, because we would not have this behavior. So, it helps to understand this and the book I read proposed an exciting exercise: imagine that the parking thief is actually… a cow. The cow in the parking lot. I remember that the first time I put this trick into practice, I burst out laughing!

The echo chambers then become a flock of goats: would you be angry with a goat? I don’t think so.

Understanding this helps not to lose your temper, to live better and not to get involved in unhealthy communicative contexts.

Because we can say what we want, but the truth is that posting conversations that are years old, as some of these echo chambers do, and of which only a few screenshots have been preserved, “forgetting” to also guard the parts of discussion that have led to a certain type of response… is animal-like. He doesn’t deserve any consideration.

That’s that.

Perchè non sono “social”

C’è stato un tempo in cui la socializzazione era una parte fondamentale della mia vita, nonostante che mi sia sempre ritagliata degli spazi di tempo solo miei, piccoli momenti per riprendere fiato e ritornare in contatto con me stessa.

C’è stato un tempo in cui ridere in compagnia era parte di una normale quotidianità, fatta di gioco e complicità.

Poi il tempo passa, la gente cambia, tu cambi.

Perché possiamo raccontarci quello che vogliamo, ma la verità è che se il contesto in cui viviamo muta, noi mutiamo con lui.

E il contesto è cambiato, eccome se è cambiato.

Con l’avvento dei social tutta la comunicazione è cambiata in maniera radicale. Abbiamo dovuto stare al passo coi tempi, per non essere tagliati fuori dal mondo, fuori dalla informazione globale. Ci siamo reinventati all’interno di piattaforme di cui non sapevamo nulla e ne siamo diventati assidui fruitori. 

Sono sempre stata amante della comunicazione, anche perché sarebbe impensabile per un avvocato non essere in grado di comunicare. Vedere gli sviluppi che la comunicazione ha conosciuto negli anni è stato interessante, ho approfondito il modo in cui una notizia “corre sul filo” della rete, comprendendo e facendo mie le migliori tecniche comunicative.

Oggi posso dire di essere in grado di diffondere le notizie che mi interessano in modo efficace sui social senza usare pubblicità a pagamento, di saper comunicare usando il testo in modo pacato anche nei contesti più ardui, di essere in grado di usare l’ironia per smorzare i toni quando la situazione si fa grigia… e molto altro.

Oggi… sono stanca

Sono stanca di un contesto comunicativo ormai considerato normale in cui manca il contatto visivo con l’altro, in cui non posso sentire le infinite sfumature espressive della voce, stanca delle infinite situazioni conflittuali in cui gli echo chambers si sentono in diritto di offendere senza ragione, se non quella di darsi un minino di visibilità (che non sono in grado di ottenere altrimenti).

La comunità di Second Life® su Facebook non fa eccezione, vi sono gruppi ormai noti di echo chambers che attaccano il target di turno per fargli perdere le staffe e portarlo a risposte rabbiose, provocandogli così un danno di immagine. Eh sì, perché mentre i bulletti da tastiera non hanno nulla da perdere (la loro immagine è rovinata sul nascere), le brave persone subiscono un danno nel momento in cui cadono nella trappola.

Allora qual è la strada migliore. Ignorare, ovviamente. Anche le peggiori provocazioni. 

Tempo fa lessi un libro sulle migliori tecniche per gestire la rabbia e mi divertì un piccolo trucco per calmarsi all’istante: il trucco della “mucca nel parcheggio“. Una delle situazioni maggiormente conflittuali e che si incontra nel quotidiano è quando qualcuno, scorrettamente, ci “ruba il parcheggio”, il posto libero che noi avevamo visto per primi. Chiunque si arrabbierebbe, anche perché trovarne un altro è spesso una vera impresa. Comprendere il motivo per cui ci infuriamo serve a capire come superare la rabbia. Ci arrabbiamo perchè pensiamo che l’altra persona, che vediamo come un nostro simile, ci ha “fregato” e contemporaneamente danneggiato. Tuttavia l’altro non è un nostro simile, perchè noi non avremmo questo comportamento. Allora, aiuta capire questo e il libro che ho letto proponeva un esercizio interessante: immaginate che il ladro di parcheggio sia in realtà… una mucca. La mucca nel parcheggio, appunto. Ricordo che la prima volta che misi in atto questo trucco scoppiai a ridere!

Gli echo chambers diventano allora un gregge di capre: ti arrabbieresti con una capra? Non credo.

Capire questo aiuta a non perdere le staffe, a vivere meglio e non lasciarsi coinvolgere in contesti comunicativi malsani. 

Perché possiamo dire quello che vogliamo, ma la verità è che postare conversazioni vecchie di anni, come fanno alcuni di questi echo chambers, e di cui si sono conservati solo alcuni screenshots, “dimenticandosi” di custodire anche le parti di discussione che hanno condotto a un certo tipo di risposta… è animalesco. Non merita alcuna considerazione.

Punto. Ebbasta.

 

Continue Reading

Stay Human

I believe that, at least once in our lives, it has happened to each of us to be the victim of some slander. The reasons why you may be the subject of negative comments from others may be different. A friend with whom we discussed who vents with someone else, a former love which seeks comfort in a group of friends to alleviate his suffering, a rival who tries to annihilate our reputation for removing any obstacle to its professional achievement, and so on.

LEGGI IN ITALIANO

When slander (i.e., lousy speech) occurs as an outburst of disappointment (of any kind), the recipient of that confidence understands that it is a “no time” for the other and knows that it may be a temporary opinion, linked to a recent disagreement.
The speech takes on a very different meaning when, the slanderous person, aware of the truth, tells lies to damage the image of others for their own selfish purposes.
The question that I ask myself, in this second case, is: is the slanderer able to really damage the other person?

I believe that in real life it is more difficult to succeed in this intent because people are known immediately, without too many filters. A different discourse, however, should be made concerning the virtual world, where we do not have the opportunity to have a direct perception of the other. In Second Life® some people even refuse to make their voices heard, so that you can’t be sure of the identity that the other attributes to you.
So how do you get a realistic idea of the truth and not run into the misconduct of others?

Honestly, I fear that in SL® it is impossible to have a precise idea of how a person is if there is no real contact. It goes without saying, but people pretend in our daily real life, let alone in the virtual, where hiding is even more comfortable.
So how can we do?

A perfect solution is impossible, I can only say how I behave, urging you to express your opinion on it in the comments to this post.
Firstly, I never refuse to use my voice, and so I ask my interlocutor to do the same. I have in front of me a person and not an avatar, and the easiest way to create a relationship between people is to use the voice. If my interlocutor refuses (for reasons that can also be very valid), I already know that I can not have a relationship of friendship with that person.

Secondly, time plays an essential role: that is, I know people over time and in the events that happen, then making my assessments and selecting my friendships.

Thirdly, if I find that a person gets used to slander for no good reason, I will move him away.
Needless to say, people whom I think are friends are counted on the fingers of one hand. To my surprise, many do not want to use the voice, many who over time prove to be unreliable people, many who use slander as a lifestyle.

Speaking of my personal experience, which does not want to be a reference point for anyone but only an information sharing, I can say that in SL® I had the pleasure of meeting some outstanding people, with whom it is a pleasure to spend my evening moments. The people who are my best friends today are also those whom I was very severely told about in the past when I was about to meet them. Needless to say, if I had been a vulnerable and conditionable person, today I wouldn’t have the pleasure of meeting people who cheer up my days.
The aspect that intrigues me is above all how a lie is believed and spread to the point that others make it their own, letting themselves be conditioned by it. There are two cases: either it is compelling who spreads the lie, or very conditionable who listens to it. Or, both.

I have been able to see for myself how a lie repeated by many people is accepted as true, without those who recite it even having a vague idea of how the victim of slander is. I’ve also heard people talk awful about others without even knowing them, without even talking to them once! The death of independent thinking and the ability to critically evaluate people.

I titled this post “we remain human” for one simple reason: our humanity must consist in our ability to evaluate people autonomously. If nothing is possible towards slanderous people (they are not educable), it is indeed realistic to sensitize the community to independent thinking, free from other people’s conditioning mostly aimed at selfish purposes. Also because, during our journey, we may miss the opportunity to make special friendships.

 

Restiamo umani

Credo che, almeno una volta nella vita, sia capitato a ognuno di noi di essere vittima di qualche maldicenza. I motivi per cui si può essere oggetto di commenti negativi altrui possono essere diversi: un amico con cui abbiamo discusso che si sfoga con qualcun altro, un ex amore che cerca conforto in un gruppo di amici per alleviare le sue sofferenze, un rivale che cerca di annientare la nostra reputazione per eliminare ogni ostacolo alla sua realizzazione professionale, e via dicendo.

Quando la maldicenza (ovvero il parlare male) avviene come sfogo a una delusione (di qualunque tipo), chi è destinatario di quella confidenza comprende che si tratta di un “momento no” per l’altro e sa che potrebbe trattarsi di un’opinione temporanea, legata a un recente disaccordo.

Il discorso assume un significato molto diverso quando, la persona maldicente, consapevole della verità, racconta menzogne allo scopo di danneggiare l’immagine altrui per i propri egoistici scopi.

La domanda che mi pongo, in questo secondo caso, è: il maldicente è in grado di danneggiare realmente l’altra persona?

Credo che nella vita reale sia più difficile riuscire in questo intento perché le persone sono conosciute in modo immediato, senza troppi filtri. Un discorso diverso, invece, va fatto per quanto riguarda il mondo virtuale, dove non abbiamo la possibilità di avere una percezione diretta dell’altro. In Second Life® ci sono persone che addirittura rifiutano di far sentire la propria voce, di modo che non si può essere sicuri della identità che l’altro si attribuisce.

E allora come si può fare per avere un’idea realistica della verità e non incorrere nelle scorrettezze altrui?

Onestamente, temo che in SL® sia impossibile avere un’idea precisa di come una persona sia se manca il contatto reale. Sarà scontato da dire, ma le persone fingono nella nostra vita reale quotidiana, figuriamoci nel virtuale, dove nascondersi è ancora più semplice.

Allora come si può fare?

Una soluzione perfetta è impossibile, posso solo dire come io mi comporto, sollecitandovi a esprimere la vostra opinione a riguardo nei commenti a questo post.

In primo luogo, io non rifiuto mai di usare la voce e quindi chiedo al mio interlocutore di fare altrettanto. Ho davanti una persona e non un avatar e il modo più semplice per creare un rapporto tra persone è quello di usare la voce. Se il mio interlocutore rifiuta (per motivi che possono essere anche molto validi) io so già che non potrò avere con quella persona un rapporto di amicizia.

In secondo luogo, gioca un ruolo essenziale il fattore tempo: ovvero, nel tempo e nelle vicende che accadono io conosco le persone, facendo poi le mie valutazioni e selezionando le mie amicizie.

In terzo luogo, se mi accorgo che una persona ha l’abitudine di usare la maldicenza senza un motivo valido, la allontano.

Inutile dire che le persone che ritengo amiche si contano sulle dita di una mano. Con mia grande sorpresa sono molti che non vogliono usare il voice, molti che nel tempo si rivelano persone inaffidabili, molti che usano la maldicenza come stile di vita.

Parlando della mia esperienza personale, che non vuole essere un punto di riferimento per nessuno ma solo una condivisione di informazioni, posso dire che in SL® ho avuto il piacere di conoscere alcune persone molto valide, con le quali è un piacere trascorrere i miei momenti serali di libertà. Le persone che oggi sono le mie più valide amicizie sono anche quelle di cui mi è stato parlato molto male in passato, quando io mi accingevo a conoscerle. E’ inutile dire che, se io fossi stata una persona vulnerabile e condizionabile, oggi non avrei il piacere di frequentare persone che allietano le mie giornate.

L’aspetto che mi incuriosisce è soprattutto come una bugia venga creduta e diffusa al punto tale che altri la facciano propria, lasciandosi condizionare da essa. I casi sono due: o è molto convincente chi diffonde la bugia, o molto condizionabile chi la ascolta. Oppure, entrambe le cose.

Ho potuto constatare in prima persona come una bugia ripetuta da più persone venga accettata come vera, senza che chi la ripete abbia nemmeno una vaga idea di come sia la vittima della maldicenza. Addirittura ho sentito persone parlare malissimo di altre senza nemmeno conoscerle, senza avere nemmeno parlato con loro una volta! La morte del pensiero autonomo e della capacità di valutazione critica delle persone.

Ho intitolato questo post “restiamo umani” per un semplice motivo: la nostra umanità deve consistere nella nostra capacità di valutare autonomamente le persone. Se nulla è possibile verso le persone maldicenti (non sono educabili), è sicuramente realistico sensibilizzare la collettività al pensiero autonomo, scevro da altrui condizionamenti per lo più finalizzati a scopi egoistici. Anche perchè, durante il nostro cammino, potremmo perdere l’occasione di stringere amicizie speciali.

Continue Reading

That need to show off what you’re not

The happiness, the real one, that intoxicates our existence and catches us suddenly, unprepared for its seemingly senseless arrival (because there does not seem to be a reason to justify its alternation to our reality of the moment) is an event as rare as precious. I’m talking about that kind of “magic” serenity that doesn’t have a reason and yet has decided to rest on us, like a butterfly that chooses us for a moment as a place of refreshment.

LEGGI IN ITALIANO

If you’ve tried it, at least once, you know what I’m talking about.
It’s such an intoxicating feeling that you don’t want to flaunt it, but just live it in that one instant of awareness.
Now, that’s a moment of truth. A feeling of yours that you receive as an unexpected gift, without reason.

Without wanting to do any kind of moralism and, above all, without wanting to express any judgment (this is not the purpose of this post), today I reflected that many people flaunt happiness that they do not have. They do so in different ways, depending on the meaning that each one attributes to the word “happiness.” For example, those who believe that happiness is synonymous with economic well-being will show off a luxury that is not part of their daily lives. Who thinks that to be happy he must be in love, will publish photos of film couples, perfect in suggesting a joy that (perhaps) is the only surface.

In Second Life® the behavior is not different, on the contrary. The virtual world by definition allows you to hide even better, to create a protective veil around its authenticity, increasingly hidden under different layers of respectability and hypocrisy. In particular, it allows you to pretend to be realized in some activities, where in everyday life (maybe) you live a perpetual frustration about your work, your life choices, your partner, and so on. Nothing new, I’m talking about already known situations.

This apparently harmless behavior leads those who experience it to live detached from their own authenticity and, as such, represents a danger to which they must pay attention. As long as you stay within your limits and are aware of your own reality, living in SL® a realization that escapes in RL can also be positive. The problem arises when there is a lack of balance, that is, when we allow ourselves to be taken in by a reality that does not belong to us. Especially when you get to “lose your sense of self”, confusing your identity with the character we created in the virtual, whoever it is.

In reality, the virtual environment is a unique opportunity to know nuances and sides of oneself that we did not believe existed. It presents us with dark sides of our personality, just because it puts us in front of situations that in our daily reality we would not live. And since the only way we know ourselves is to experience ourselves, it is natural that SL® allows us a broader knowledge of our personality, for better or for worse (or at least, of what we believe to be good or bad).

The virtual world, therefore, intended as a tool is excellent from this point of view, is able to open our eyes to aspects of us that until recently were dark.
The problem arises when we lose awareness when the medium (SL®) becomes the end when we need the virtual world as a stage to find confirmation and realization. The drama arises when we become dependent on a reality that (let’s face it) does not exist. This is because only in that really do we find the satisfaction that we lack elsewhere. So here are the photos of the couple flaunted on social media, here is that everything revolves around that place that we manage, that project that we have in mind. And if something or someone stands between us and that dream that for us is our SL®, we become angry, going down to behaviors that we never thought we could be ours in the real world to which we are accustomed. Because this is our dream, no one should stand between us and our happiness.

Then let’s return to happiness, from which we started. What is happiness? If for me happiness is synonymous with professional achievement and in RL the work I do is not satisfactory from my point of view, it is likely that in SL® I will invent a role that gives me the satisfaction that I lack in RL. SL® becomes a surrogate that missed the opportunity to be what they are not in everyday life.
For example, I’ll talk about the only person I know well: myself. At RL, my professionalism is legal. I’m not a blogger, and I’m not even an artist (as much as I learned pencil drawing as a child thanks to my mother’s teachings). I admit that I like to devote myself to both of these activities in SL® because the virtual environment gives me the opportunity to bring into play aspects of my personality that would otherwise remain unexplored. However, I am aware that being a blogger or an artist in the professional sense of the term is an entirely different story.

Moreover, my real work satisfies me, so I don’t look for substitutes: I use SL® to explore myself, but I don’t let it use me. In other words: I write when I can without obligation, I make exposures when I have the opportunity and without stress. But above all, I don’t consider myself an artist or a blogger.
The risk of flaunting what you do not have or what you are not, of course, is to lose yourself. Wherever we do it, whether it’s SL® or Social.

It’s the risk of living on stage that puts on stage a character, instead of the person, who flaunts a life that is missing in reality, but that one would desperately want.
I understand that I am with people who are having trouble accepting their own reality when their SL® becomes a terribly severe fact. To give an example without revealing the person in question, months ago an artist contacted me saying that if I didn’t value her, it didn’t make sense to be in her circle of contacts. After some messages, I realize that by “giving value” she meant “writing an article.”

Needless to say, I’m no longer in her circle of contacts.

What I find most incredible is that some people live in the illusion of being someone in SL®. But if they disappeared tomorrow, the truth is that few would really miss them.
I conclude by quoting the words of a new “friend,” Oema (0OEMA0):

“You are nothing”

Very true. I am nothing, but the difference between me and others is that I never thought otherwise.
Oh, for those who don’t know: Oema (0OEMA0) is an avatar that pretends to be my alt. As sympathetic as she is to me, I don’t suggest to accept anything from her.

In conclusion, I believe that losing the sense of reality is a moment while recovering it requires discipline. Every day we focus our attention on who we really are, abandoning every superstructure. We will gain in psychophysical well-being and in our relationship with others.

 

 

Quell’esigenza di mostrarsi per quello che non si è

 

La felicità, quella vera, che inebria la nostra esistenza e ci coglie all’improvviso, impreparati al suo arrivo apparentemente insensato (perchè non sembra esserci un motivo che giustifichi il suo avvicendarsi alla nostra realtà del momento) è un evento tanto raro quanto prezioso. Parlo di quel tipo di serenità “magico” che non ha un perchè eppure ha deciso di posarsi su di noi, come una farlalla che ci sceglie per un attimo come luogo di ristoro.

Se l’hai provata, almeno una volta, sai di cosa parlo.

Si tratta di una sensazione talmente inebriante che non ti viene voglia di ostentarla, ma solo di viverla in quell’unico istante di consapevolezza.

Ecco, questo è un attimo di verità. Una sensazione tua che ricevi come un dono inaspettato, senza un perchè.

Senza voler fare alcun tipo di moralismo e, soprattutto, senza voler esprimere alcun giudizio (non è lo scopo di questo post), oggi riflettevo sul fatto che molte persone ostentano una felicità che non possiedono. Lo fanno in modi diversi, a seconda del significato che ognuno attribuisce alla parola “felicità”. Chi ad esempio ritiene che felicità sia sinonimo di benessere economico, ostenterà un lusso che non è parte della sua vita quotidiana. Colui che pensa che per essere felici si deve essere innamorati, pubblicherà foto di coppia cinematografiche, perfette nel far supporre una gioia che (forse) è solo di superficie.

In Second Life® il comportamento non è differente, anzi. Il mondo virtuale per definizione consente di nascondersi ancora meglio, di creare un velo protettivo intorno alla propria autenticità, sempre più nascosta sotto diversi strati di perbenismo e ipocrisia. In modo particolare permette di fingersi realizzati in qualche attività, laddove nella vita quotidiana (magari) si vive una perenne frustrazione riguardo al proprio lavoro, alle proprie scelte di vita, al proprio partner, e via dicendo. Nulla di nuovo, parlo di situazioni già note.

Questo comportamento, apparentemente innocuo, conduce chi lo sperimenta a vivere distaccato dalla propria autenticità e, come tale, rappresenta un pericolo a cui prestare attenzione. Finchè si resta nei limiti e si è consapevoli della propria realtà, il fatto di vivere in SL® una realizzazione che sfugge in RL può anche essere positivo. Il problema nasce quando manca equilibrio, ovvero quando ci si lascia prendere la mano da una realtà che non ci appartiene. Soprattutto quando si arriva a “perdere il senso di sè”, confondendo la propria identità con il personaggio che abbiamo creato nel virtuale, chiunque esso sia.

In realtà l’ambiente virtuale è una occasione unica per conoscere sfumature e lati di sè che non credavamo esistessero. Ci presenta lati oscuri della nostra personalità, semplicemente perchè ci mette di fronte a situazioni che nella nostra realtà quotidiana non vivremmo. E dato che l’unico modo che abbiamo di conoscere noi stessi è quello di fare esperienza di noi stessi, è naturale che SL® ci permetta una conoscenza più ampia della nostra personalità, nel bene e nel male (o quantomeno, di quello che noi crediamo essere bene o male).

Il mondo virtuale, quindi, inteso come strumento, è eccellente da questo punto di vista, è in grado di aprirci gli occhi su aspetti di noi che fino a poco prima ci erano oscuri.

Il problema nasce quando perdiamo consapevolezza, quando il mezzo (SL®) diventa il fine, quando abbiamo bisogno del mondo virtuale come di un palcoscenico per trovare conferme e realizzazione. Il dramma nasce quando diventiamo dipendenti da una realtà che (ammettiamolo) non esiste. Questo perché solo in quella realtà troviamo la soddisfazione che altrove ci manca. E allora ecco le foto di coppia ostentate sui social, ecco che tutto ruota attorno a quel locale che gestiamo, a quel progetto che abbiamo in mente. E se qualcosa o qualcuno si frappone tra noi e quel sogno che per noi è la nostra SL®, diventiamo rabbiosi, scendendo a comportamenti che mai avremmo creduto poter essere nostri nell’ambito reale a cui siamo abituati. Perchè questo è il nostro sogno, nessuno deve frapporsi tra noi e la nostra felicità.

Torniamo allora alla felicità, da cui siamo partiti. Cos’è la felicità? Se per me la felicità è sinonimo di realizzazione professionale e in RL il lavoro che svolgo non è soddisfacente dal mio punto di vista, sarà probabile che in SL® io mi inventi un ruolo che mi dia quella soddisfazione che in RL mi manca. SL® diventa un surrogato, quell’occasione mancata per essere quello che nella quotidianità non sono.

Per fare un esempio parlerò dell’unica persona che conosco bene: me stessa. In RL la mia professionalità è quella legale. Non sono una blogger e non sono nemmeno un’artista (per quanto io abbia imparato il disegno a matita da piccola grazie agli insegnamenti di mia madre). Ammetto che mi piace dedicarmi a entrambe queste attività in SL® perchè l’ambito virtuale mi dà la possibilità di mettere in gioco aspetti della mia personalità che, altrimenti, resterebbero inesplorati. Tuttavia ho la consapevolezza che essere una blogger o un’artista nel senso professionale del termine è tutt’altra storia. Inoltre il mio lavoro reale mi soddisfa, quindi non cerco surrogati: uso SL® per esplorarmi, ma non mi faccio usare da esso. Detto altrimenti: scrivo quando posso senza impegno, faccio esposizioni quando ne ho la possibilità e senza stress. Ma soprattutto non mi considero nè un’artista nè una blogger.

Il rischio di ostentare quello che non si ha o quello che non si è, ovviamente, è quello di perdere se stessi. Ovunque, in qualunque mondo lo facciamo, che sia SL® o sui Social.

È il rischio di vivere sul palcoscenico che mette in scena un personaggio, al posto della persona, che ostenta una vita che manca nella realtà, ma che disperatamente si vorrebbe.

Capisco che sono in presenza di una persona in difficoltà nell’accettare la propria realtà, quando la sua SL® diventa un fatto terribilmente serio. Per fare un esempio senza svelare la persona in questione, mesi fa un’artista mi contattó dicendomi che, se io non le davo valore, non aveva senso essere nella sua cerchia di contatti. Dopo alcuni messaggi, realizzo che per “dare valore” lei intendeva “scrivere un articolo”.

Inutile dire come è finita: non sono più nella sua cerchia di contatti.

L’aspetto che trovo più incredibile è il fatto che alcuni vivono nella illusione di essere qualcuno in SL®. Ma se domani costoro sparissero, la verità è che in pochi ne sentirebbero una reale mancanza.

Concludo citando le parole di una nuova “amica”, Oema (0OEMA0):

“Tu sei nulla”

Verissimo. Io sono nulla, ma la differenza tra me e altri è che non ho mai pensato diversamente.

Oh, per chi non lo sapesse: Oema (0OEMA0) è un avatar che finge di essere un mio alt. Per quanto mi faccia simpatia, meglio non accettare nulla da lei.

Per concludere, credo che perdere il senso della realtà sia un attimo, mentre recuperarlo richiede disciplina. Focalizziamo ogni giorno l’attenzione su chi siamo realmente, abbandonando ogni sovrastruttura. Ne guadagneremo in benessere psicofisico e nel rapporto con gli altri.

Continue Reading

Lil Miquela: the influencer who doesn’t exist

For some years now, the term “influencer” has entered the universal language, identifying with it the person who, with his charisma, hijacked the choices of the masses regarding a specific sector.

LEGGI IN ITALIANO

Among the most famous influencers, there are the fashion bloggers who, when they become trendy (we speak of thousands of “followers”), are able to make a difference and influence the choices of the masses.
Think of the now famous Chiara Ferragni who began her career when she was still at university (she studied law) and who, today, has a millionaire empire.
So far, it is not strange, they are people who are gifted and engaged in a particular area and who succeed in that area.
However, in addition to real influencers, i.e., flesh and blood people, there are also virtual ones, such as Lil Miquela.
This beautiful girl with regular features, fleshy lips, and hair sympathetically gathered in two ponytails has become, in a short time, a real celebrity on Instagram.
Lil Miquela is the Instagram account of Lil Souza, an American girl who, according to what she says about her profile, loves fashion and music. In fact, on her profile, she started in 2016 posting images of herself who wore clothes of famous brands such as Chanel, Supreme, Proenza Schouler, Vans and many others.

Recently she has also started singing, although her voice is clearly metallic (fake).
What is particularly interesting is that Lil Miquela doesn’t exist, she’s a computer created character, even if the images she posts are very realistic. The virtuality of the girl is evident, also if, at first, for many, there was the doubt that she was real.
Many people wonder about the reasons for Lil Souza’s success as an influencer, primarily because of her pronounced virtuality. Her posts reach millions of people and collect thousands of likes. An ambitious result for a real person, let alone an avatar.
Reflecting on the reasons for her success, I think its “strengths” are:

  • Beauty: Lil is a beautiful model, who does not age and does not get fat. Her face is very realistic and has a great expressiveness despite not being “real”;
  • It’s cheap: being virtual, the big brands only have to authorize the creator of the Avatar to use their creations, they are not forced to send real clothes with all the problems related to sizes;
  • She tells of her experiences as an ordinary girl, as if she were a teenager in the flesh writing. She is able to involve and generate discussions about her character and what fascinates her;

Indications say that Trevor McFedries & Sara Decou would be the creator of Lil Miquela and that the recent hacking of the Instagram account, apparently by another virtual character, Bermuda, would actually be a pretext by the same company to force Lil to reveal her virtuality.

The character who hacked Lil’s account is, in fact, as mentioned, Bermuda who demanded that the famous fashion blogger to publicly reveal her non-human nature to get her account back. As a result, Lil admitted that she was not human, but also that she had recently discovered it, and that she was very angry with the productive society for not revealing her digital identity to her first.
These are statements that make us smile, but which, it seems, create involvement and that aura of mystery that contributes to the success of Lil Miquela.

What do you think about a virtual influencer? Do you like the idea? Please let me know in a comment.

Lil Miquela, l’influencer che non esiste

E’ da qualche anno che il termine “influencer” è entrato nel linguaggio comune, identificando con esso la persona che, con il suo carisma, dirotta le scelte delle masse riguardo un certo settore.
Tra gli influencer più noti, vi sono i fashion bloggers che, quando diventano molto seguiti (si parla di migliaia di “followers”), sono in grado di fare la differenza e di condizionare le scelte delle masse.
Si pensi alla ormai famosissima Chiara Ferragni che ha iniziato la sua attività quando era ancora all’università (studiava giurisprudenza) e che, oggi, ha un impero milionario.
Fin qui, nulla di strano, si tratta di persone dotate e impegnate in un certo settore che riescono ad avere successo in quell’ambito.
Tuttavia, oltre a influencer reali, ovvero persone in carne e ossa, ne esistono anche di virtuali, come ad esempio Lil Miquela.
Questa splendida ragazza dai lineamenti regolari, le labbra carnose e i capelli simpaticamente raccolti in due codini è diventata, in poco tempo, una vera celebrità su Instagram.
Lil Miquela è l’account Instagram di Lil Souza, una ragazza americana che, secondo quanto racconta lei stessa sul suo profilo, ama la moda e la musica. Infatti, sul suo profilo, ha iniziato nel 2016 postando immagini di
lei stessa che indossava abiti di marche famose, come Chanel, Supreme, Proenza Schouler, Vans e molti altri.

Recentemente ha anche iniziato a cantare, nonostante la sua voce sia palesemente metallica (finta).
L’aspetto particolarmente interessante è che Lil Miquela non esiste, è un personaggio creato al computer, anche se le immagini da lei postate sono molto realistiche. La virtualità della ragazza è evidente, seppure, in un primo momento, per molti vi era il dubbio che fosse reale.
Sono in tanti a interrogarsi sulle ragioni del successo di Lil Souza come influencer, soprattutto a causa della sua virtualità marcatamente pronunciata. I suoi posts raggiungono milioni di persone e riscuotono migliaia di likes. Un risultato ambizioso per una persona in carne ed ossa, figuriamoci per un avatar.
Riflettendo sulle ragioni del suo successo, a mio avviso i suoi “punti di forza” sono:

  • La bellezza: Lil è una bellissima modella, che non invecchia e non ingrassa. Il suo volto è molto realistico e ha una grande espressività nonostante non sia “reale”;
  • E’ economica: essendo virtuale, le grandi marche devono solo autorizzare il creatore dell’Avatar all’uso delle proprie creazioni, non sono costretti a spedire abiti reali con tutti i problemi collegati alle taglie;
  • Racconta le sue esperienze come una ragazza normale, come se a scrivere fosse un’adolescente in carne e ossa. E’ capace di coinvolgere e generare discussioni attorno al suo personaggio e a quello che la appassiona;

Indiscrezioni dicono che Trevor McFedries & Sara Decou sarebbe la creatrice di Lil Miquela e che il recente hackeraggio dell’account Instagram, apparentemente avvenuto da parte di un altro personaggio virtuale, Bermuda, sarebbe in realtà un pretesto ad opera della medesima azienda per costringere Lil a svelare la sua virtualità.

Il personaggio che ha hackerato l’account di Lil è, infatti, come detto, Bermuda che ha preteso che la famosa fashion blogger rivelasse pubblicamente la sua natura non umana per riavere il suo account. In conseguenza di ciò Lil ha ammesso di non essere umana, ma anche di averlo scoperto di recente, e di essere molto arrabbiata con la società creatrice per non averle rivelato prima la sua identità digitale.
Si tratta di affermazioni che fanno sorridere, ma che, a quanto pare, creano coinvolgimento e quell’alone di mistero che contribuisce al successo di Lil Miquela.

Cosa ne pensi di una influencer virtuale? Ti piace l’idea? Fammelo sapere in un commento.
Continue Reading

Facebook, the storm on data theft and the collapse on the stock exchange: a turning point for the Social Netwok?

Facebook, the storm on data theft and the collapse on the stock exchange: a turning point for the Social Netwok?

The scandal that has overwhelmed Facebook in recent days is known to all: the colossus of Mark Zuckerberg is accused of having kept the users in the dark about what happened. Information on over 50 million people gathered through an app from company research – Global Science Research (Gsr) – and sold to controversial Cambridge Analytica, a company that worked for Donald Trump’s campaign. Not only that, that information would also be used to influence the Brexit vote.
Mark Zuckerberg admits his faults and defends himself by saying that Facebook is a new and unprecedented creation, so understanding accurately all the implications that a Social Network with such a diffusion (2 billion people are registered) may have is not so immediate.
While Zuckerberg’s considerations are right, on the other some elements make one think of a lack of attention to the security of personal data on the Social platform. First place, Global Science Research (GSR) has denied that the purposes of data collection were for research and to have ever told Facebook such a thing.
Thus, this statement would presume that Facebook knew what was happening and that the transfer of personal data may have been intentional.

The consequences

Regardless of whether the transfer of personal data was intentional or not by Facebook, it is sure that the storm has unleashed on the most famous Social Network in the world to the point of causing a collapse on the stock exchange and the resignation of the security officer, Alex Stamos.

Also, many are asking for the cancellation of their profile, and among the ordinary users, there are also names of giants from Elon Musk, who had deleted the account of Tesla and Space X.

Remarks

Honestly, I’m struggling to understand the amazement that surrounds Facebook in recent days due to data theft.
First of all, because a Social Network is vulnerable and we see it every day if we follow the news events carefully. Secondly, because it is difficult to see in Mark Zuckerberg a philanthropist disinterested in money and profit.
The transfer of personal data is a scourge with which our society has to deal: even when we buy a telephone sim we must be careful that browsing, accidentally, click on some aggressive advertising that does not allow us to go out or, even worse, active some paid service. Moreover, we often receive phone calls from unknown people who offer us some service or purchase in general. Who gave them our number? And in exchange for what?
These are distinct questions to which, perhaps for the haste and the daily affairs, we pay little attention.
Facebook is interested in our personal data, and this is a fact. One of the primary rules of the community is that the profile must be of a real person, the name must be that of our identity card or, at least, indicate the nickname with which we are usually called every day in our environment.
In fact, if we want to create a profile for an invented character, we must refer to the creation of the Pages, but our profile that manages the page must have a real name and surname. This is a problem that players in virtual environments know well, such as Second Life®, Imvu®, Sine Space®, High Fidelity® and many others.

facebook

Why is it difficult to unsubscribe from Facebook even if we know the risks we run?

The first reason is that we believe that if we delete ourselves from Facebook, we will lose the friends with whom we are used to staying in touch through this Social Network.
In reality, there are many ways to keep in touch, including Whatsapp and the old but always current way: see yourself in person.
Another reason that makes it difficult to leave the most potent Social Network in the world is that we fear that we will no longer be contacted by the man or woman we like. Even this is not a real reason, anyone with a genuine interest in us will certainly not stop at our absence on the web.
Another reason that makes it difficult to leave Facebook is that, through the Social Network, you receive many compliments by posting our best photos, your sentences to effect and so on. In reality, character and personality are “jewels” that show themselves in real life and, above all, in everyday life.
Finally, we will no longer be able to share our moments of the day with friends, and we could lose contact with people who are far from us. In reality, we will always be able to tell our day to the people who are close to us in everyday life and, if we lose distant contacts, maybe it is because … they are to be forgotten.

The dependence on Facebook and the loss of our life

Facebook is addictive even if, not being as immediate as in drugs, often goes unnoticed. In reality, women spend an average of 81 minutes a day on Facebook while men are 64.
Facebook feeds narcissism, social envy and is a danger to privacy.
Even at best, our images and our contents are at the complete disposal of marketing companies who are willing to pay large amounts to acquire this information. This fact should, at least, make us uncomfortable.

Conclusion

I believe that these recent events that affect Facebook can help us to make that decision that we know is the best for our lives, especially if we have a tendency to “fall” into the trap of one of the behaviors described above.
Personally, I use Facebook for the promotion of the blog, I would not think to put real photos or go looking for compliments in the virtual to feel better.

So, let’s consider Facebook for what it is: an instrument. If we can use it to our advantage, it can not hurt, but if it is Facebook that manages our lives, then we should consider the idea of closing the account.

Continue Reading