Second Life Reputation
Second Life®

How much does reputation matter in Second Life?

The virtual worlds and Second Life, in particular, have always been for me a very interesting cue for the observation of human behavior in virtual contexts. Anyone with a minimum of experience on social networks and forums knows well how the virtual medium allows people to express themselves without too many censorships, partly because they are protected by anonymity, partially because the fact of not having direct contact with the interlocutor facilitates the free expression of their opinions.

LEGGI IN ITALIANO


However, we don’t always meet good exchanges of opinion, where sometimes mechanisms of verbal aggression are established to denigrate, offend and ruin the reputation of others. I want to dwell for a moment on the definition of reputation, to delimit the boundaries of this post:

Reputation is the consideration of others, conventionally felt like a straightforward measure of the quality or, more commonly, of the morality of a natural or legal person.

That’s what others think of you. In the context of Second Life, it coincides with what people in your circle of knowledge believe and says about you, about the way you behave and relate to other members of the community.
As a Facebook fan, I notice that heated discussions about nothingness frequently arise and that, in many cases, these discussions are fuelled by an illusory desire to defend one’s reputation in front of the audience of readers. Now, in some cases (very few) the one attacked manages to keep calm and finds the right words to argue in his favor. In others, much more frequent, we lose the stirrups and the words we use to play a role contrary to our interests and the positivity of our image.


But let’s return for a moment to the question that introduces this post: how important is the reputation in Second Life? I think that reputation in SL is all the more critical when it comes to SL itself. Let me explain: if SL plays a significant role for me, if the virtual world is an essential part of my day and, therefore, of my life, my reputation within the virtual community will also be of considerable importance. On the contrary, if I live SL with emotional detachment, if I use the virtual world as entertainment together with many other possible forms of entertainment, then my reputation within the SL community will not be particularly relevant. We can then come to the conclusion that the more I identify with my character, the more critical my reputation will be. For example, if I sell (anything), my status will also determine my earnings; of course, if I have no financial interests, my reputation may still be outstanding in the circle of friendships and acquaintances.
Sometimes conflicts arise through competition, other times through envy and others are the consequence of the end of a love relationship. Whatever the reason why someone attacks us or attacked by someone, it’s useful to remind ourselves that we’re getting angry about something that isn’t there (to quote Elisa’s famous song). No matter how big our commitment to the virtual world is, when we turn off the computer it ceases to exist. Our identity returns to the real one, whether we like it or not. The only thing we carry in the real is the affection we feel for the people we meet in the virtual; the rest is an illusion.

Understanding this allows us to invest in the only thing that makes sense and accompanies us even when we are not connected: our affections. They leave a tangible feeling in our daily lives, enriching it with experience and knowledge. The rest is boredom.


Quanto conta la reputazione in Second Life?

I mondi virtuali e Second Life in particolare sono sempre stati per me uno spunto molto interessante per l’osservazione dei comportamenti umani nei contesti virtuali. Chiunque abbia un minimo di esperienza sui social e sui forum sa bene come il mezzo virtuale permetta alle persone di esprimersi senza troppe censure, in parte perché protetti dall’anonimato, in parte perché il fatto di non avere un contatto diretto con l’interlocutore agevola la libera espressione delle proprie opinioni.

Non sempre, tuttavia, ci troviamo di fronte a civili scambi di opinione, laddove a volte si instaurano meccanismi di aggressione verbale volti a denigrare, offendere e rovinare la reputazione altrui. Vorrei soffermarmi per un attimo sulla definizione di reputazione, giusto per delimitare i confini di questo post:

La reputazione è la considerazione altrui, convenzionalmente sentita come retta misura della qualità o, più comunemente, della moralità  di una persona fisica o giuridica.

Detto in parole povere, è quello che gli altri pensano di te. Nel contesto di Second Life coincide con quello che le persone della tua cerchia di conoscenze pensano e dicono di te, del tuo modo di comportarti e rapportarti con gli altri membri della community.

Da frequentatrice di Facebook, noto che nascono frequentemente discussioni accese attorno al nulla e che, in molti casi, queste discussioni sono alimentate da un desiderio illusorio di difendere la propria reputazione di fronte alla platea di lettori. Ora, in alcuni casi (pochissimi) colui che viene aggredito riesce a mantenere la calma e trova le parole giuste per argomentare a suo favore.  In altri, molto più frequenti, si perdono le staffe e le parole che si usano giocano un ruolo contrario ai nostri interessi e alla positività della nostra immagine.

Ma torniamo per un attimo alla domanda che introduce questo post: quanto conta la reputazione in Second Life? Credo che la reputazione in SL sia tanto più importante quanto più è importante SL in sé per noi. Mi spiego meglio: se per me SL riveste un ruolo significativo, se il mondo virtuale è una parte importante della mia giornata e, quindi, della mia vita, anche la mia reputazione all’interno della community virtuale avrà una considerevole importanza. Al contrario, se vivo SL con distacco emotivo, se uso il mondo virtuale come intrattenimento insieme a tante altre forme di intrattenimento possibili, allora la mia reputazione all’interno della community di SL non avrà una particolare rilevanza. Possiamo quindi arrivare alla conclusione che quanto più mi identifico col mio personaggio, quanto più la mia reputazione avrà importanza. Ad esempio se vendo (qualunque cosa), dalla mia reputazione dipenderà anche il mio guadagno; ovviamente se non ho interessi economici, la mia reputazione potrebbe essere comunque importante nella cerchia di amicizie e frequentazioni.

A volte i conflitti nascono per competizione, altre volte per invidia e altre ancora sono la conseguenza della fine di una relazione d’amore. Qualunque sia il motivo per cui ci troviamo attaccati da qualcuno o attacchiamo qualcuno è utile ricordare a noi stessi che ci stiamo arrabbiando per qualcosa che non c’è (per citare la celebre canzone di Elisa). Per quanto grande sia il nostro impegno all’interno del mondo virtuale, quando spegniamo il pc esso cessa di esistere. La nostra identità torna quella reale, che essa ci piaccia o no. L’unica cosa che ci portiamo nel reale è l’affetto che proviamo per le persone che frequentiamo nel virtuale, il resto è illusione.

Comprendere questo ci permette di investire nell’unica cosa che abbia senso e che ci accompagna anche quando non siamo collegati: i nostri affetti. Essi, infatti, lasciano un senso tangibile nel nostro vivere quotidiano, arricchendolo di esperienza e conoscenza. Il resto è noia.

Virtual Reality passionate.

One Comment

  • Wyatt

    I became a target for SL’s longest standing troll/griefer. As a result of managing a venue for it’s former long term target I also became “ghosted” by a German Circus Clown Cult. They now misgender me at the venues and galleries of mutual acquaintances. And they have pressured performers to not book appearances with me.
    More so than reputation, I think the question is to what extent is cyber-bullying embraced in Second Life?

    Sono diventato un bersaglio per il più brutto SL griefer. Come risultato della gestione di un posto per la sua precedente vittima a lungo termine, sono stato anche esiliato dagli eventi musicali di un Circo Clown Cult. Ora mi hanno provocato nei luoghi e nelle gallerie di amici comuni. E hanno messo sotto pressione gli artisti per non prenotare le apparenze con me.
    Più che la reputazione, penso che la domanda sia fino a che punto il cyberbullismo venga abbracciato in Second Life?

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

%d bloggers like this: