Paola Mills hosted @ArtSpace UTSA Tejano Tech

Paola Mills @ArtSpace UTSA

Sometimes I browse the news that you, the creative and passionate inhabitants of the metaverse, published on my Facebook group “Art in Virtual Worlds“, masterfully administered by dear Magda Maroa (magda.schmidtzau).

LEGGI IN ITALIANO

This time I found this post that directed me to the art exhibition of the eclectic Paola Mills, which I have been following and appreciating for several years now.

The aspect I love most about her style is her communicativeness through images structured in different ways. We are talking about photographic subjects that more than whispering, shout; more than alluding, explain; more than implying, clearly externalize.

Paola Mills @ArtSpace UTSA
Paola Mills @ArtSpace UTSA

And, if I can afford an observation by following it for some time, this kind of interpretation is increasingly right in its photographic choices.

Realistic close-ups, women-robots, surreal images… an all-around communicativeness manifested through conceptual photography.

Paola Mills doesn’t like to call herself an expert photographer, I remembered this, and I find it confirmed in her explanatory note card (although she specifies “expert photographer in RL“).

However, if this thought were extended to photography in the metaverse, I would allow myself to disagree. Mills, in fact, produces images greatly appreciated for several years and the fact that she does not have a thorough knowledge of photo editing tools, has not prevented her from communicating her emotions and her irony effectively.

Paola Mills @ArtSpace UTSA
Paola Mills @ArtSpace UTSA

Photography is not, in fact, just manipulation, but the ability to capture an angle, an instant, to grasp a feeling to make it her own and give it to others. In this Paola is, of course, expert and very skilled.

I read from her bio, which can be taken by clicking on the inscription in the middle of the room where the artist’s name is located:

Unlike many artists in the metaverse I work in handicraft way my snapshots using the minimum graphics editing software not by choice but by inability to use them, I brake considerably the result of my photos, I know that I am not an expert photographer maybe if I had more time I could get more satisfactory photos.
I think I’m an end user of Second Life taking advantage of the ability of creators who knows how to give reality to the bodies of the avatars and who knows how to give motion to the avatar with the use of poses. I treat merges these two aspects, the study of the body language of a human body.

I suggest you take a few moments of tranquility to visit Paola, in this charming setting with transparent flooring specially set up to highlight the works of the artists.

References

Paola Mills @ArtSpace UTSA Tejano Tech

 

Paola Mills hosted @ArtSpace UTSA Tejano Tech

Ogni tanto scorro le notizie che voi, creativi e appassionati abitanti del metaverso, pubblicate sul mio gruppo Facebook “Art in Virtual Worlds“, magistralmente amministrato dalla cara Magda Maroa (magda.schmidtzau).

Stavolta ho trovato questo post che mi ha indirizzata verso l’esposizione artistica della eclettica Paola Mills, che seguo e apprezzo ormai da diversi anni.

Paola Mills @ArtSpace UTSA
Paola Mills @ArtSpace UTSA

L’aspetto che amo maggiormente del suo stile è la comunicatività attraverso immagini strutturate in modo differente fra loro. Parliamo di soggetti artistici che più che sussurrare, gridano; più che alludere, esplicitano; più che sottindendere, esternano chiaramente.

E, se posso permettermi un’osservazione seguendola da tempo, questo tipo di interpretazione è sempre più vera nelle sue scelte fotografiche.

Primi piani realistici, donne-robot, immagini surreali… una comunicatività a tutto tondo manifestata attraverso la fotografia concettuale.

Paola Mills non ama definirsi una fotografa esperta, questo lo ricordavo e ne trovo conferma nella sua notecard esplicativa (per quanto lei specifichi “fotografa esperta in RL“).

Paola Mills @ArtSpace UTSA
Paola Mills @ArtSpace UTSA

Tuttavia, qualora questo pensiero fosse esteso anche alla fotografia nel metaverso, mi permetterei di dissentire. La Mills, infatti, realizza immagini notevolmente apprezzate da diversi anni e il fatto di non avere una conoscenza approfondita di strumenti di editing fotografico, non le ha impedito di comunicare le sue emozioni e la sua ironia in modo efficace.

La fotografia non è, infatti, solo manipolazione, ma capacità di catturare un angolatura, un istante, di afferrare una sensazione per farla propria e regalarla ad altri. In questo Paola è, sicuramente, esperta e molto abile.

Leggo dalla sua bio, prelevabile cliccando sulla scritta al centro della sala ove è ubicato il nome dell’artista:

A differenza di molti artisti nel metaverso lavoro in modo artigianale le mie istantanee utilizzando il minimo di software di editing grafico, non per scelta ma per incapacità di utilizzarle, freno notevolmente il risultato delle mie foto, so di non essere una fotografa esperta forse se avessi più tempo potrei ottenere foto più soddisfacenti.
Penso di essere un utente finale di Second Life, approfittando della capacità dei creatori e che sa come dare realtà ai corpi degli avatar, come dare movimento all’avatar con l’uso delle pose. Tratto le fusioni di questi due aspetti, lo studio del linguaggio di un corpo umano.

Consiglio di cogliere qualche attimo di tranquillità per far visita a Paola, in questo suggestivo allestimento a pavimentazione trasparente appositamente allestito per risaltare le opere degli artisti.

Riferimenti

Paola Mills @ArtSpace UTSA Tejano Tech

Continue Reading

Exploring artists at LA MAISON D’ANELI in Second Life®

Cullum Writer @La Maison d'Aneli in Second Life

Today I decided to explore the Maison d’Aneli in the company of Candie, knowing that, currently, very creative artists have found “home” at the famous art gallery curated by Aneli Abeyante.

LEGGI IN ITALIANO

Candie is not an expert on art in virtual worlds, but she is undoubtedly an expert on photography and mesh creations. I appreciate her intellectual honesty and her opinion has been a good starting point for reflection on many occasions.

I introduce Candie to the Maison d’Aneli, explaining that it is an art gallery that has existed for several years and that has a very active group, with a large number of people vitally interested in sharing opinions on art and on the virtual artists of Second Life®.

Candie: I’m surprised by such an active presence of artists, just as I’m amazed by their creativity. For example, in this exhibition at La Maison d’Aneli each artist has his own unique style, and no one is the same or even similar to the other. This means that each of them has its own well-defined artistic identity.

Oema: SL® is thriving from an artistic point of view. Apparently, art is not a remunerative activity in the virtual world, but it is a source of great satisfaction for many artists and gladdens the evenings of thousands of people every month. I think that is no small matter.

Silence. Each of us is immersed in our own thoughts, a flow of information that flows quickly and freely, at the view of an intense week and not exactly happy for both.

Oema: Candy?

I break the silence, believing that I have an excellent reason.

Candie: yes?

Oema: Have you seen these images of Cullum Writer? Colors and shapes blend so well that they form an entirely harmonious whole.

Candie: yes, I like it very much, reading the artist’s bio you understand that she loves to experiment in the field of SL® photography.

I notify as I open the artist’s Photostream on Flickr and admire her works.

Candie: As a builder, I really appreciate the work of Harry Cover (impossibleisnotfrench). He’s a French man who loves experimenting, both with photography and with prims and meshes.

I approach the works of Harry Cover, and I can only confirm Candie’s opinion: he is a creative and versatile artist.

Further down I have the pleasure of reviewing the photographs of Megan Prumier, which I had already had the opportunity to appreciate at the Voir Gallery and which I talk about extensively in my last post.

Upstairs we are fascinated by the installation of Senka Beck (9VoltBorkotron). It is a combination of lights, shapes, colors, freely moving and, dare I say it, provocative writing.

Candie and I get lost in his bio:

My digital works are more influenced by the progressive and often musical stages of natural transformation in all its forms, ranging from macro/microbiological material to electromagnetic quantum on all scales.

Next door, JudyLinn India introduces us to her art made with acrylic paint. Reading the notecard, we learn that the artist studied from an early age and drawing is an arcane passion.

My work embodies my spirit and my personality. My goal is to allow you to experience the image with the eye of your mind. My job is entirely intuitive. I get lost in the layering of textures and color.

We move to see more closely the fractal art of Aneli Abeyante. This is an expressive modality that I particularly appreciate, being already accustomed to admiring it in Degoya Galthie‘s fractals.

Aneli says of herself:

I love geometry and mathematics. When I arrived at SL, I did not know that I would be able to express myself on these issues. Even after a lot of practice, I managed to “clean up” structures and shapes.
Actually, I practice painting, I do not have a precise style, but I always look for harmony.

Here ends our visit to La Maison D’Aneli, a relaxing afternoon, in the company of artists who took us on the most important journey, the one within us.

Reference

La Maison d’Aneli

Esplorando gli artisti a La Maison d’Aneli in Second Life®

Oggi ho deciso di esplorare la Maison d’Aneli in compagnia di Candie, ben sapendo che, attualmente, artisti molto creativi hanno trovato “casa” presso la famosa galleria d’arte curata da Aneli Abeyante.

Candie non è esperta di arte nei mondi virtuali, ma lo è certamente di fotografia e creazioni mesh. Apprezzo la sua onestà intellettuale e la sua opinione è stata un ottimo spunto di riflessione in molteplici occasioni.

Introduco Candie alla Maison d’Aneli, spiegandole che si tratta di una galleria d’arte che esiste da diversi anni e che ha un gruppo molto attivo, con un nutrito numero di persone estremamente interessate alla condivisione di opinioni sull’arte e sugli artisti virtuali di Second Life®.

Candie: mi sorprende una presenza così attiva di artisti, così come mi stupisce la loro creatività. Ad esempio, in questa esposizione a La Maison d’Aneli ogni artista ha il suo stile unico e nessuno è uguale e nemmeno simile all’altro. Questo significa che ognuno di loro ha una propria identità artistica ben definita.

Oema: SL® è fiorente da un punto di vista artistico. Ovviamente l’arte non è un’attività remunerativa nel mondo virtuale, ma è fonte di grande soddisfazione per molti artisti e allieta le serate di migliaia di persone ogni mese. Credo non sia poco.

Silenzio. Ognuna di noi è immersa nei propri pensieri, un flusso di informazioni che scorrono rapidamente e in libertà, al pensiero di una settimana intensa e non proprio lieta per entrambe.

Oema: Candie?

Interrompo il silenzio, credendo di avere un’ottima ragione.

Candie: si?

Oema: hai visto queste immagini di Cullum Writer? Colori e forme si amalgamano così bene da formare un tutt’uno pienamente armonico.

Candie: sì, mi piacciono molto, leggendo la bio dell’artista si capisce che ella ama sperimentare nel settore della fotografia in SL®.

Annuisco mentre apro il Photostream su Flickr dell’artista e ammiro i suoi lavori.

Candie: da builder apprezzo molto i lavori di Harry Cover (impossibleisnotfrench). Si tratta di un uomo francese che ama sperimentare, sia con la fotografia che con i prims e le mesh.

Mi avvicino ai lavori di Harry Cover e non posso che confermare l’opinione di Candie: si tratta di un artista creativo e versatile.

Più in giù ho il piacere di rivedere le fotografie di Megan Prumier, che avevo già avuto modo di apprezzare presso la Voir Gallery e della quale parlo diffusamente nel mio ultimo post.

Al piano di sopra restiamo affascinate dalla installazione di Senka Beck (9VoltBorkotron). Si tratta di una combinazione di luci, forme, colori, scritte in movimento libero e, oserei dire, provocatorio.

Candie e io ci perdiamo nella sua bio:

I miei lavori digitali sono maggiormente influenzati dagli stadi graduali e spesso musicali della trasformazione naturale in tutte le sue forme che vanno dal materiale macro/micro biologico al quantum elettromagnetico su tutte le scale.

A fianco, JudyLinn India ci introduce sua sua arte realizzata con la pittura acrilica. Leggendo la notecard, apprendiamo che l’artista studia sin da piccola e il disegno è una arcana passione.

Il mio lavoro incarna il mio spirito e la mia personalità. Il mio obiettivo è quello di permetterti di sperimentare l’immagine con l’occhio della tua mente. Il mio lavoro è completamente intuitivo. Mi perdo nella stratificazione di texture e colore.

Ci spostiamo per vedere più da vicino l’arte frattalica di Aneli Abeyante. Si tratta di una modalità espressiva che apprezzo in modo particolare, essendo già avvezza ad ammirarla nei frattali di Degoya Galthie.

Aneli dice di sé:

Ama la geometria e la matematica. Quando sono arrivata su SL, non sapevo che sarei stata in grado di esprimermi su questi argomenti. Anche dopo molta pratica, sono riuscita a “ripulire” strutture e forme.
In realtà pratico la pittura, non ho uno stile preciso, ma cerco sempre l’armonia.

Termina qui la nostra visita a La Maison D’Aneli, un pomeriggio rilassante, in compagnia di artisti che ci hanno condotto nel viaggio più importante, quello dentro di noi.

Riferimenti

La Maison d’Aneli

Continue Reading

“Fragments of time” by Megan Prumier @Voir Gallery

“Fragments of time” by Megan Prumier @Voir Gallery

I happened to be fascinated by the poster related to the event-exhibition of Megan Prumier, entitled “Fragments of time” hosted by the Voir Gallery, reading around on Facebook the promotions of various artistic events in Second Life®.

LEGGI IN ITALIANO

I already had in mind to visit her performance, but then, for a series of commitments, I could not go to the Voir Gallery where, however, happened last night entirely by chance.

“Fragments of time” by Megan Prumier @Voir Gallery
“Fragments of time” by Megan Prumier @Voir Gallery

I don’t know how much my feelings can be understood, but I must admit that visiting Megan’s gallery was a panacea for me. In fact, after a beginning of the evening in the name of the bluntest jealousy, presumption, and rudeness (people will never cease to surprise me even if they “descend”), visiting in solitude the exhibition “Fragments of time” was therapeutic (art is a refuge for the soul broken by the senselessness of the human being).

Megan Prumier is a photographer and builder: I started to know and appreciate her since she was the owner of the DixMix Art Gallery. I was particularly impressed by her excellent taste in rearranging the construction of Fanatik, adapting it to the needs of an art gallery. On that occasion, I knew her both as a photographer (she exhibited her images at DixMix) and as a creator.

“Fragments of time” by Megan Prumier @Voir Gallery
“Fragments of time” by Megan Prumier @Voir Gallery

Megan is versatile, in addition to dedicating herself to 2D and 3D art, is also very involved in the organization of artistic events, not least the exhibition “Concrete Diorama” by Mistero Hifeng at GBTH Project.

“Fragments of time,” as the title suggests, is a photographic exhibition that captures the segments of each image, assembling them harmoniously and communicatively. Each fragment of vision seems to tell a story, or rather, it seems to want to bring the attention of the visitor on a specific aspect of the frame, letting you guess the story that takes place outside the scene.

Photography as a narrative technique: Julio Cortàzar was talking about it, saying: “I don’t know if you’ve ever heard a professional photographer talk about his art; I’ve always been surprised by the fact that he expresses himself, in many ways, as a writer of stories could. Photographers of the calibre of a Cartier-Bresson or a Brassai define their art as an apparent paradox: that of cutting out a fragment of reality, fixing certain limits on it, but in such a way that cut acts like an explosion that acts on a much wider reality, like a dynamic vision that spiritually transcends the field understood by the objective”.

“Fragments of time” by Megan Prumier @Voir Gallery
“Fragments of time” by Megan Prumier @Voir Gallery

There is a difference between a fragment of reality and a shot at random: the photographer chooses the first carefully because while taking the picture he already knows what he wants to represent.

Megan’s image fragments are, as she says, fragments of time, that is, fragments of life. They let us imagine what’s beyond the single shot and, often, the pictured is even more important than the single shot. When photography tells a story and makes our imagination fly, it becomes a work of art.

References

“Fragments of time” by Megan Prumier @Voir Gallery

“Frammenti di tempo” a cura di Megan Prumier @Voir Gallery

Leggendo quà e là su Facebook le promozioni di vari eventi artistici in Second Life®, mi è capitato di restare affascinata dal poster relativo all’evento-mostra di Megan Prumier, dal titolo “Frammenti di tempo”  ospitato dalla Voir Gallery.

Avevo già in mente di visitare la sua esibizione, poi però, per una serie di impegni, non mi è stato possibile recarmi alla Voir Gallery dove, invece, sono capitata ieri sera del tutto casualmente.

“Fragments of time” by Megan Prumier @Voir Gallery
“Fragments of time” by Megan Prumier @Voir Gallery

Non so quanto le mie sensazioni possano essere comprese, però devo ammettere che visitare la galleria di Megan è stato un toccasana per me. Infatti, dopo un inizio di serata all’insegna della più bieca gelosia, presunzione e maleducazione (le persone non finiranno mai di sorprendermi per quanto in “basso” riescano a scendere), visitare in solitudine la esibizione “Frammenti di tempo” è stato terapeutico (l’arte è un rifugio per l’anima infranta dalla insensatezza dell’essere umano).

Megan Prumier è fotografa e builder: ho iniziato a conoscerla e apprezzarla sin da  quando era owner della DixMix Art Gallery. In modo particolare mi aveva colpito il suo buon gusto nel riassettare la costruzione di Fanatik adeguandola alle esigenza di una galleria d’arte. In quell’occasione la avevo conosciuta sia come fotografa (alla DixMix esponeva le sue immagini) sia come creator.

“Fragments of time” by Megan Prumier @Voir Gallery
“Fragments of time” by Megan Prumier @Voir Gallery

Megan è versatile, oltre a dedicarsi all’arte 2D e 3D, si impegna molto anche nell’organizzazione di eventi artistici, non da ultimo l’esibizione “Concrete Diorama” di Mistero Hifeng presso la GBTH Project.

“Frammenti di tempo”, come suggerisce il titolo, è una mostra fotografica che coglie i segmenti di ciascuna immagine, assemblandoli in modo armonico e molto comunicativo. Ogni frammento di immagine sembra raccontare una storia, o meglio, sembra voler portare l’attenzione del visitatore su uno specifico aspetto dell’inquadratura, lasciando intuire la vicenda che si svolge al di fuori della scena.

La fotografia come tecnica narrativa: ne parlava Julio Cortàzar, che diceva: “Non so se abbiate mai sentito parlare un fotografo professionista della propria arte; a me ha sempre sorpreso il fatto che egli si esprima, per molti versi, come potrebbe fare uno scrittore di racconti. Fotografi del calibro di un Cartier-Bresson o di un Brassai definiscono la loro arte come un apparente paradosso: quello di ritagliare un frammento della realtà, fissandogli determinati limiti, ma in modo tale che quel ritaglio agisca come un’esplosione che agisca su una realtà molto più ampia, come una visione dinamica che trascenda spiritualmente il campo compreso dall’obiettivo”.

“Fragments of time” by Megan Prumier @Voir Gallery
“Fragments of time” by Megan Prumier @Voir Gallery

C’è differenza tra un frammento di realtà e un’inquadratura a caso: il fotografo sceglie la prima con cura, perché mentre scatta la fotografia egli sa già cosa vuole rappresentare.

“Fragments of time” by Megan Prumier @Voir Gallery
“Fragments of time” by Megan Prumier @Voir Gallery

I frammenti di immagine di Megan sono, come lei stessa dice, frammenti di tempo, ovvero, frammenti di vita. Lasciano immaginare cosa ci sia oltre la singola inquadratura e, spesso, l’immaginato è anche più importante del singolo scatto. Quando la fotografia racconta una storia e fa volare la nostra fantasia, essa diventa opera d’arte.

Riferimenti

“Fragments of time” by Megan Prumier @Voir Gallery

Continue Reading

Astral Dreams Project: Italian art hosted by the evocative Spanish Steps

Astral Dreams Project is the brainchild of Jack Davies and Mina Arcana to promote Italian art through Second Life®.

LEGGI IN ITALIANO

The variety of Italian artists present in the ancient virtual world of Linden is incredible. No surprise if, as Italians, we are an expression of creativity and sensitivity, our tradition shows that art is familiar to us.

Astral Dreams Project is realized in collaboration with Linden Lab, which offered LEA 1 to host this event, where our artistic originality finds its temporary home (LEA 1 will be devoted to this project for 3 months).

Also, the creators Dogma9 and AcquaAria are collaborating on the project, creating the evocative setting characterized by the Spanish Steps, the Trinità dei Monti, and the Barcaccia. The environment itself is already, in itself, one of the central works of art on display, for its fidelity to the original and its manipulative and stylistic ability.

Astral Dreams Project Astral Dreams Project Astral Dreams Project Astral Dreams Project Astral Dreams Project Astral Dreams Project

Finally, I collaborate on this project as an art curator, having chosen the exhibiting artists.

On the sides of the central staircase, to the left and right respectively, we find the “twin rooms” that house Ciottolina Xue and Mistero Hifeng.

Ciottolina Xue, with her sculpture markedly expressive of the artist’s state of mind, gives life to works, each of which tells its own story.

Mystery Hifeng, with his very clearly delineated style, is the artist of the disintegration of the Ego, of the superstructure, which points to the Essence.

Along Via Condotti, many artists, for each of whom there is a dedicated store, share their creativity that is expressed in very different forms.

Here is a short presentation of each of them.

Paola Mills presents her own conceptual photography, i.e., using the objects of the virtual world. She gives origin to images that transmit a message, an exact idea.

Lorys Lane photographs the environments she visits, giving the images a touch of personality that allows us to visit those locations through her eyes.

Renoir Adder is an extraordinarily creative and versatile oil painter. He imports into SL the paintings that he realizes in reality. His style is also unique for the cheerfulness of the colors he chooses with care.

Desy Falcone is a sweet photographer. Her images range from fantasy to conceptual, she is very versatile.

Maddy likes to combine SL photographs with shapes and colors, creating a unique style. She is a very communicative and original artist.

Clarisa Congrejo has exhibited her best and most recent black and white images. A photographer for many years, she has opened a successful shop selling poses for photographers… In my opinion, Clary brings into SL photographic techniques well known in reality.

Candie Sheel but make portraits, but she does so in a particular way. In fact, since she does not like the inexpressiveness typical of the avatar, even starting from an image taken in the virtual world, she manipulates it until she almost raises a doubt: real or virtual?

Degoya Galthie creates fractal art, giving life to relaxing shapes and movements with a pleasant effect.

Jarla Capalini has been an artist for several years, effectively transforming photography into art, making it similar to real paintings. His experience with painters is very clearly visible in his style.

Finally, among the exhibiting artists, there are also me with my drawings made on tablet and manipulated with Photoshop.

Shortly before the start of the installation of Astral Dreams Project, I had the pleasure to make a short interview with Jack Davies and Mina Arcana, to better explore how the idea of promoting Italian art was born.

Here is the video.

References

Astral Dreams Project

Astral Dreams Project: l’arte italiana ospitata dalla suggestiva Piazza di Spagna

Astral Dreams Project nasce da un’idea di Jack Davies e Mina Arcana allo scopo di promuovere l’arte italiana che si esprime attraverso Second Life®.

La varietà di artisti italiani presenti nell’antico mondo virtuale della Linden è incredibile. Nessuna sorpresa se, noi italiani, siamo espressione di creatività e sensibilità, la nostra tradizione dimostra che l’arte ci è familiare.

Astral Dreams Project è realizzato in collaborazione con Linden Lab, che ha offerto LEA 1 per ospitare questo evento, dove nostra originalità artistica trova la sua temporanea dimora (LEA 1 sarà destinata a questo progetto per 3 mesi).

Inoltre, collaborano al progetto i creatori Dogma9 e AcquaAria, che hanno dato vita alla suggestiva ambientazione caratterizzata da Piazza di Spagna, Trinità dei Monti e la Barcaccia. L’ambientazione stessa è già, di per sé, una delle principali opere d’arte esposte, per la fedeltà all’originale e l’abilità manipolativa e stilistica.

Infine, io stessa collaboro a questo progetto in qualità di curatore artistico, avendo scelto gli artisti espositori.

Ai lati della scalinata principale, rispettivamente a sinistra e a destra, troviamo le “stanze gemelle” che ospitano Ciottolina Xue e Mistero Hifeng.

Ciottolina Xue, con la sua scultura marcatamente espressiva dello stato d’animo dell’artista stessa, dà vita a opere ognuna delle quali racconta la sua storia.

Mistero Hifeng, con il suo stile molto ben delineato, è l’artista della disgrezione dell’Ego, della sovrastruttura, che punta all’Essenza.

Lungo Via Condotti numerosi artisti, per ciascuno dei quali vi è uno store dedicato, condividono la propria creatività che si esprime in forme anche molto differenti tra loro.

Ecco una breve presentazione di ognuno di loro.

Paola Mills presenta la propria fotografia concettuale, ovvero sfruttando gli oggetti del mondo virtuale dà orgine a immagini che trasmettono un messaggio, un’idea ben precisa.

Lorys Lane fotografa gli ambienti che visita, dando alle immagini un tocco di personalità che ci permette di visitare quelle locations attraverso i suoi occhi.

Renoir Adder è un pittore ad olio estremamente creativo e versatile. Egli importa in SL i quadri che lui stesso realizza nella realtà. Il suo stile è unico anche per l’allegria dei colori che egli sceglie con cura.

Desy Falcone è una dolcissima fotografa esseliana. Le sue immagini spaziano dallo stile fantasy a quello concettuale, essendo lei molto versatile.

Maddy ama combinare le fotografie di SL con forme e colori, dando vita a uno stile unico nel suo genere. E’ un’artista molto comunicativa e orginale.

Clarisa Congrejo ha esposto le sue migliori e più recenti immagini in bianco e nero. Fotografa da molti anni, ha aperto un negozio di successo che vende pose per fotografi.. A mio avviso Clary porta in SL tecniche fotografiche ben note nella realtà.

Candie Sheel ma realizzare ritratti, ma lo fa in un modo mlo particolare. Infatti, dato che lei non ama l’inespressività tipica dell’avatar, pur partendo da un’immagine scattata nel mondo virtuale, la manipola fino a quasi far sorgere un dubbio: reale o virtuale?

Degoya Galthie realizza arte frattalica, dando vita a forme e movimenti rilassanti e di piacevole effetto.

Jarla Capalini è un’artista da diversi anni che trasforma efficacemente la fotografia in arte, rendendola simili ai quadri reali. La sua esperienza presso pittori è molto ben visibile nel suo stile.

Infine, tra gli artisti espositori, ci sono anche io con i miei disegni realizzati su tavoletta grafica e manipolati con Photoshop.

Poco prima dell’inizio dell’allestimento di Astral Dreams Project, ho avuto il piacere di realizzare una breve intervista a Jack Davies e Mina Arcana, per esplorare meglio come l’idea di promuovere l’arte italiana sia nata.

Ecco il video.

Riferimenti

Astral Dreams Project

Continue Reading