Cyberbullism
Second Life®

The ghost cyberbully: the most cowardly type of cyberbullying

I read some published by some contacts on Facebook this morning about cyberbullies. I confess, they opened my “mental doors” and stimulated me to explore once again cyberbullying, a theme that is very dear to me for several years and that has also been the subject of my thesis in Law. I can’t publish the post which is the subject of my inspiration, because it’s not public. However, I can briefly report its content.

The ghost cyberbully: who is him?

Some people can manipulate others by turning them against their own “enemies” (or those they consider such). There are people who, taking advantage of psychological weakness or lack of personality, seduce groups of individuals ready to hurl themselves against people they don’t even know, to “do a favor” to their executioner.

The ghost cyberbully characteristics

People of this type have some typical characteristics that make them easily distinguishable:

  • Remarkable acting skills;
  • Deep inner insecurity that pushes them to believe that the only way to succeed is to annihilate the enemy, rather than enhance themselves;
  • Exceptional ability to observe and evaluate people and their weaknesses, to exploit them to their advantage;
  • A total absence of principles, values, and remorse: they crush those who, according to them, stand in the way of the objective they want to achieve.
  • They have strong envy towards those who are, objectively, better than them.

I admit that this is a personality type that I have never come across directly, not least because, fortunately, they are not ordinary people. However, when you come into contact with a person with these characteristics, life in the community changes because, in one way or another, you feel discomfort and, in the worst cases, suffering.

Why the ghost cyberbully is the most cowardly type of cyberbully

Anyone who pitches others against their enemies is, first and foremost, cowardly, because they do not dare to do what they ask their followers to do directly. He also uses others as a shield, so he doesn’t get personally hit in case something goes wrong. So we are not talking about people to be mythologized, on the contrary! I underline this aspect because I have observed this (strange) tendency to exalt them, to mitigate them, even if in negative terms.

What the cyberbully asks to his attendants to do?

But what are the behaviors that the “boss” asks his attendants to perform? There are many of them, including:

  • Harassment: Consists of the repeated sending of insult messages;
  • Denigration: talking about someone through rumors or gossip to damage their reputation,
  • “Impersonation”, i.e., passing oneself off as another person to send messages or publish texts that compromise the reputation of the victim;
  • Exposure, which consists of posting private or embarrassing images about another person by deception (“trickery“), in publishing or sharing with others secret information;
  • Exclusion of the person from a group, to make him/her feel isolated;
  • Cyberstalking i.e., repeated and threatening harassment and denigration.

Behaviors such as those described above are all the more effective, the more vulnerable the victim is. Often says that the young age of the victim affects their fragility, but this is not always the case. The decisive element is psychological fragility, or a lack of capacity to assess events and people independently.

Undoubtedly the statistical data are not comforting: one in two guys who suffer cyberbullying thinks about suicide, and one in ten tries it.

Why is persecution within a virtual community so distressing?

Isn’t it enough to turn off the computer or, without being too drastic, to change the people group? Often an incomprehensible loss is observed in the person who suffers attacks of this kind as if the loss of his reputation within a specific virtual community was essential for his life.

This fact happens because of the identification with that context, that is, if I identify myself with that community, the disappearance of that community causes me and therefore my life to disappear.

Obviously this is simply absurd!

How usually old is the cyberbully?

Returning to the cyberbully, which we often imagine as a little boy, but which may be the sixty-year-old lady next door, he is irrecoverable or, if he is not, we cannot take charge of his rehabilitation, but only defend ourselves in the best possible way. I, therefore, believe in the importance of educating fragile people in psychological defense, in a real understanding of the problem and the annihilation of the adversary.

How to defend yourself from a cyberbully?

  • Through the recovery of one’s own identity, which does not coincide with the virtual one and which lives well even without any community, without any virtual environment;
  • Through a more accurate vision of what our enemy represents, that is a vile person, without self-esteem and envy;
  • And why not, through the observation of the fact that, if we bother them, they see us as an obstacle to their success, because they recognize our value.

Unless we are very skilled psychological warriors, able to withstand the harshest attacks, I believe that the best choice is to change communities where a large number of people stupidly take sides in favor of the cyberbully. In no case, in fact, can our psychological stability be questioned and, if it helps to get away, let’s do it without hesitation.

In my personal experience, and taking into account my professional training, the cyberbully arouses in me more a sense of pain than anger.

What do you think? Have you ever been a victim of cyberbullying? Would you like to tell me in a comment?


Leggi in Italiano →Il cyberbullo fantasma: la forma più vigliacca di cyberbullismo

Questa mattina ho letto alcuni post pubblicati in italiano da miei contatti su Facebook che, confesso, aprono le mie “porte mentali” e mi stimolano ad esplorare ancora una volta il cyberbullismo, tema che mi è molto caro da diversi anni e che è stato anche oggetto della mia tesi di laurea in Giurisprudenza. Non posso pubblicare il post che è oggetto della mia ispirazione, perché non è pubblico. Tuttavia, posso riportarne brevemente il contenuto.

Chi è il cyberbullo?

Esistono persone in grado di manipolarne altre aizzandole contro i propri “nemici” (o quelli che reputano tali). Esistono persone che, approfittando della debolezza psicologica o della carente personalità, seducono gruppi di individui pronti a scagliarsi contro persone che nemmeno conoscono, pur di “fare un favore” al loro carnefice.

Caratteristiche del cyberbullo

Persone di questo tipo hanno alcune caratteristiche tipiche che li rendono facilmente distinguibili:

  • Notevole capacità nella recitazione;
  • Profonda insicurezza interiore che spinge loro a credere che l’unico modo per avere successo sia annientare il nemico, anziché valorizzare se stessi;
  • Notevole capacità di osservazione e valutazione delle persone e delle loro debolezze, in modo da sfruttarle a proprio vantaggio;
  • Totale assenza di principi, valori e rimorsi: schiacciano chi secondo loro si frappone tra loro e l’obiettivo che vogliono raggiungere.
  • Forte invidia verso chi è, oggettivamente, meglio di loro.

Ammetto che questo è un tipo di personalità che non ho mai incontrato direttamente, anche perché, per fortuna, non sono persone comuni. Tuttavia, quando si entra in contatto con una persona con queste caratteristiche, la vita nella comunità cambia perché, in un modo o nell’altro, si prova disagio e, nel peggiore dei casi, sofferenza.

Perchè il cyberbullo fantasma è il più vile dei cyberbulli

Chi aizza altri contro i propri nemici è, innanzitutto, vile, perché non ha il coraggio di fare direttamente quello che chiede ai suoi adepti di realizzare. Inoltre usa gli altri come uno scudo, per non essere colpito direttamente nel caso che qualcosa vada storto. Non stiamo dunque parlando di persone da mitizzare, anzi! Sottolineo questo aspetto perché ho osservato questa (strana) tendenza all’esaltazione di costoro, alla loro mitizzazione, seppure in termini negativi.

Cosa chiede di fare il cyberbullo ai suoi servi?

Ma quali sono i comportamenti che il “mandante” chiede ai suoi servitori? Ce ne sono molti, tra cui:

  • Molestie: consistono nell’invio ripetuto di messaggi di insulto;
  • Denigrazione: ovvero sparlare di qualcuno tramite voci o pettegolezzi allo scopo di danneggiare la sua reputazione,
  • Sostituzione di persona (“impersonation”) cioé farsi passare per un’altra persona per spedire messaggi o pubblicare testi che compromettano la reputazione della vittima;
  • Rivelazioni (“exposure”) che consistono nel pubblicare immagini private o imbarazzanti su un’altra persona tramite l’inganno
    (“trickery”), nel pubblicare o condividere con altri le informazioni che gli sono state segretamente confidate;
  • Esclusione della persona da un gruppo, per farla sentire isolata;
  • Cyberpersecuzione (“cyberstalking”) ovvero molestie e denigrazioni ripetute e minacciose.

I comportamenti come quelli appena descritti sono tanto più efficaci quanto più la vittima è vulnerabile. Spesso si dice che la giovane età della vittima influisce sulla sua fragilità, ma questo non è sempre vero. L’elemento decisivo è la fragilità psicologica, oppure la scarsa capacità di valutazione autonoma degli accadimenti e delle persone.

Indubbiamente i dati statistici non sono confortanti: un ragazzo su due che subisce cyberbullismo pensa al suicidio, e uno su dieci lo tenta.

Perché la persecuzione all’interno di una comunità virtuale suscita così tanto malessere?

Non basterebbe forse solo spegnere il pc o, senza essere troppo drastici, cambiare community? Spesso si osserva un’incomprensibile smarrimento in colui che subisce attacchi di questo tipo, come se il venire meno della sua reputazione all’interno di una specifica comunità virtuale fosse essenziale per la sua vita.

Questo accade a causa della identificazione con quel contesto, ovvero se io mi identifico in quella comunità, il venire meno della medesima fa venire meno me stessa e quindi la mia vita.

Ovviamente questo è semplicemente assurdo!

Che età ha solitamente il cyberbullo?

Tornando al cyberbullo, che spesso immaginiamo come un ragazzino, ma che invece può essere la signora di sessantanni della porta accanto, egli è irrecuperabile o, se non lo è, non possiamo farci carico della sua riabilitazione, ma solo difenderci nel miglior modo possibile. Credo, quindi, nell‘importanza di educare le persone fragili alla difesa psicologica, alla reale comprensione del problema e all’annientamento dell’avversario.

Come puoi difenderti dal cyberbullismo?

  • Attraverso il recupero della propria identità, che non coincide con quella virtuale e che vive bene anche senza nessuna community, senza alcun ambiente virtuale;
  • Attraverso una visione più vera di quello che il nostro nemico rappresenta, ovvero una persona vile, priva di autostima e rosa dall’invidia;
  • E perchè no, attraverso la osservazione del fatto che, se diamo fastidio a costoro, evidentemente ci vedono come un ostacolo al loro successo, perchè riconoscono il nostro valore.

A meno di essere abilissimi guerrieri psicologici, in grado di sostenere gli attacchi più duri, credo che la scelta migliore sia quella di cambiare community laddove un elevato numero di persone si schieri stupidamente a favore del cyberbullo. In nessun caso, infatti, la nostra stabilità psicologica può essere messa in discussione e, se allontanarsi aiuta, facciamolo senza remore.

Per mia esperienza personale e tenuto conto della mia formazione professionale, il cyberbullo suscita in me più un senso di pena, che rabbia.

Cosa ne pensi? ti è mai capitato di essere vittima di cyberbullismo? Ti va di raccontarmelo in un commento?

Virtual Reality passionate.

2 Comments

  • Gaea Oakleaf

    I have first hand, experienced all of those things and more. Thanks to a cyberbully in SL, I have finally left my old av, gone to another one, in order to get away from her vitriol. She has been stalking me, harrassing me and tried to spread lies regarding me, to anyone that we are mutually acquainted with. She has been repeatedly reported to LL regarding her behavior and all the different posts that she has made in her profile, FB and Flickr account, pertaining to me. I finally had to send her a Cease and Desist order, to try to get her to leave me alone, which sadly, does not appear to deter her. At present, there are 2 posts in her profile picks about me, along with something in her partner’s profile as well. Moving to another avatar has helped a great deal, thanks to my closest friends and family helping me out and being there for me through all of this.

    • Oema

      Thank you for your contribution. I am glad you have passed this dramatic phase of your life. Unfortunately, LL does not intervene in these cases, allowing the growth of cyberbullying phenomena. Best wishes for every good.

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

%d bloggers like this: